Messina, azioni di contrasto al fenomeno della prostituzione

prostituzioneNelle scorse settimane sono stati disposti dal Sig. Questore mirati servizi finalizzati al contrasto del fenomeno della prostituzione ed ai reati connessi allo sfruttamento.

L’intensificazione dei servizi di vigilanza effettuati dai poliziotti dell’U.P.G. e S.P. con la collaborazione degli agenti del Corpo di Polizia Municipale, nelle zone abitualmente frequentate delle prostitute quali il Cavalcavia, Piazza della Repubblica, via La Farina e vie limitrofe, ha permesso l’identificazione di dieci donne straniere dedite all ’attività del meretricio. Dopo aver verificato la loro posizione nel territorio nazionale, sono stati adottati opportuni provvedimenti nei confronti di alcune di esse.

In particolare una donna di nazionalità colombiana è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria perché priva di documenti e in posizione irregolare sul territorio italiano. Alla stessa è stato notificato un decreto di espulsione, e successivamente è stata trasferita al CIE (Centro identificazione ed espulsione) Ponte Galeria di Roma.Ad una cittadina romena, rintracciata più volte nel territorio dello stato dedita all’attività del meretricio e diffidata al rispetto della normativa inerente la circolazione dei cittadini comunitari, è stato notificato il decreto di allontanamento del Prefetto per motivi di P.S..
Infine, una cittadina del Ghana, trovata in possesso di permesso di soggiorno scaduto, rilasciato dalla Questura di Palermo, è stata invitata a presentarsi presso quell’ufficio Immigrazione per regolarizzare la sua posizione, non potendo essere espulsa per motivi di salute.
Inoltre, nel medesimo contesto, un cittadino italiano è stato deferito in stato di libertà per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.