L’elezione del Presidente della Repubblica in diretta: ufficiale, è Napolitano-bis

napolitano

18:45- GIORGIO NAPOLITANO PROCLAMATO PRESIDENTE CON 738 VOTI- Giorgio Napolitano è stato proclamato per la seconda volta consecutiva Presidente della Repubblica Italiana. Ecco i dati ufficiali: votanti 997, Napolitano 738, Rodotà 217, De Caprio 8, D’Alema 4, Prodi 2, dispersi 6, bianche 10, nulle 12.

18:40- RODOTA’: “SEMPRE STATO CONTRARIO A QUALSIASI MARCIA SU ROMA”- Stefano Rodotà prende le distanze dalla “chiamata” di Grillo agli italiani, affermando a Bari: ”Io sono contrario a qualsiasi marcia su Roma”.

18:35- I VOTI PROVVISORI: NAPOLITANO 740, RODOTA’ 217- Arrivano i dati ufficiosi dell’elezione del Presidente della Repubblica. I segretari stanno verificando i risultati dello scrutinio della sesta votazione. Giorgio Napolitano avrebbe ottenuto 740 voti, Stefano Rodotà 217, altri 18, bianche 10, nulle 11.

18:30- BERLUSCONI: “GRAZIE NAPOLITANO PER GENEROSITA’”- ”Oggi e’ una giornata importante per la nostra Repubblica. Ringrazio il Presidente Giorgio Napolitano per lo spirito di servizio e per la generosita’ personale e politica con cui ha accettato di proseguire il suo impegno e la sua opera in un contesto tanto difficile e incerto”: cosi’ Silvio Berlusconi in una nota.

18:20- UFFICIALE: E’ NAPOLITANO-BIS- Ora è ufficiale, sarà ancora Giorgio Napolitano il Presidente della Repubblica Italiana. Altri 7 anni di mandato per Napolitano, che ha superato il quorum di 504 voti. Tra poco i dati ufficiali.

17:55- RODOTA’: “SCELTA PARLAMENTO E’ DEMOCRATICA”- Diplomatico Stefano Rodotà, che ad un incontro organizzato da Repubblica, afferma: “sono sempre stato convinto che le decisioni parlamentari possano e debbano essere discusse e criticate duramente, ma partendo dal presupposto che si muovono nell’ambito della legalità democratica”,

17:45- SESTA VOTAZIONE CONCLUSA, SCRUTINIO IN CORSO- Lo scrutinio della sesta votazione per il Presidente della Repubblica è in corso. Si va verso il secondo mandato per Giorgio Napolitano. Sarebbe la prima volta per l’Italia.

giorgio-napolitano

17:40- “RODOTA’ SI DISSOCI DA GRILLO”. E’ LA RICHIESTA DEI PARTITI- Richiesta da tutti i fronti, rivolta a Rodotà, di dissociarsi da Grillo e dalle pesanti accuse di “golpe” in corso. ”Ma quale golpe, il Parlamento e’ sovrano: Rodota’ si dissoci da Grillo”, afferma Esposito (PD). Come lui, esponenti di Pdl e SC.

16:55- GRILLO: “#TUTTIAROMA, VENITE IN MILIONI”- E’ l’hashtag #tuttiaroma a diffondere il passa parola in Rete per l’arrivo di Beppe Grillo nella Capitale. A lanciarlo e’ lo stesso leader del M5S. “Dobbiamo essere milioni – ha scritto Grillo nel blog annunciando il suo arrivo in piazza Montecitorio – Non lasciatemi solo o con quattro gatti. Di piu’ non posso fare. Qui o si fa la democrazia o si muore come Paese“.

16:45- RODOTA’ E’ SERENO E ACCETTA LA SCELTA DI NAPOLITANO- Sereno? “Perche’ non dovrei esserlo. E’ esattamente il contrario, io ho avuto l’opportunita’ di poter essere in modo non banale sulla scena politica“. Ha risposto cosi’ ai giornalisti che lo sollecitavano Stefano Rodota’. “Ho sempre valutato quelle che erano le mie concrete possibilita’ – ha aggiunto - io sono quello che sono ho una storia e penso che debba essere riconosciuta, e’ la storia di un uomo che ha vissuto e lavorato nella sinistra“.

16:30- BERSANI VOTA E ABBANDONA L’EMICICLO, VENDOLA: “SONO ADDOLORATO”- ”Esprimo solidarieta’ personale per Bersani. Sono molto addolorato per le cose che sono accadute, al netto degli errori, ha colpito una delle persone piu’ perbene che abbia conosciuto in vita mia”. Lo dice Nichi Vendola nel corso di una conferenza stampa alla Camera. Il segretario del PD ha votato e ha lasciato immediatamente l’emiciclo.

16:20- FRATELLI D’ITALIA VOTERA’ DE CAPRIO- Il gruppo Fratelli d’Italia, dopo aver espresso il proprio sincero apprezzamento per il Presidente Giorgio Napolitano, ha comunque deciso di non votarlo per contestare un percorso che appare finalizzato nei prossimi giorni, alla nascita di un governo che accomuni il centrodestra alla sinistra, con effetti simili al governo Monti. Il partito insisterà sul voto a De Caprio.

15:55- NAPOLITANO PUO’ CONTARE SU 795 VOTI- Questi i voti accreditati al Presidente Napolitano

15:29- PD-PDL-SCELTA CIVICA-LEGA NORD- FRATELLI D’ITALIA VOTERANNO NAPOLITANO. M5S-SEL RODOTA’- Effettuate le assemblee dei vari gruppi parlamentari: la rielezione di Napolitano dovrebbe essere tranquilla

15:15- IN CORSO SESTA VOTAZIONE- La Presidente della Camera Laura Boldrini, dà il via alla nuova e (forse) decisiva votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica

14:20 – OK DA NAPOLITANO - Arriva l’ok dal Capo dello Stato alla richiesta di una sua rielezione per l’Unità del Paese. A questo punto nel pomeriggio dovremmo assistere alla fumata bianca con il Napolitano bis.

13:42 – GRANDE ATTESA PER LA RISPOSTA DI NAPOLITANO - Giorgio Napolitano ha ricevuto un “caldo appello” dalle forze politiche per la sua rielezione e si è riservato di annunciare la sua decisione prima della seduta pomeridiana del Parlamento in seduta comune prevista per le 15. Lo riferisce la presidenza della Repubblica in una nota. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto questa mattina, su loro richiesta, i rappresentanti del Partito Democratico, del Popolo della Libertà e della Lega Nord. Egli ha, a conclusione, egualmente ricevuto il presidente del Consiglio, Mario Monti, anche a nome dei gruppi parlamentari di Scelta Civica. Infine, il capo dello Stato ha incontrato un’ampia delegazione dei Presidenti delle Regioni. “Da tutti gli interlocutori è stata espressa la convinzione che – nella grave situazione venutasi a determinare col succedersi delle votazioni per l’elezione del nuovo capo dello Stato – sia altamente necessario e urgente che il Parlamento in seduta comune possa dar luogo a una manifestazione di unità e coesione nazionale attraverso la rielezione del presidente Napolitano - spiega il Colle -. Gli si è rivolto perciò un caldo appello a riconsiderare in questo quadro le ragioni da lui più volte indicate di indisponibilità a una ricandidatura. Il Presidente Napolitano si è riservato di rendere nota – nell’imminenza della ripresa pomeridiana della seduta comune – la sua decisione“.

aula-di-montecitorio

13:38 – TUTTI I VOTI DELLA 5^ VOTAZIONE - Fumata nera anche per la quinta votazione. Stefano Rodota’ ha ottenuto 210 voti, Giorgio Napolitano 20, Rosario Monteleone 15, Emma Bonino 9, Anna Maria Cancellieri 3, Massimo D’Alema 2, Franco Marini 2. I voti dispersi sono stati 14, le schede bianche 445, le schede nulle 17.

13:36 – PD, PDL, LEGA E SCELTA CIVICA CHIEDONO COESIONE NAZIONALE ATTRAVERSO LA RIELEZIONE DI NAPOLITANO – Secondo una nota del Quirinale, da Pd, Pdl, Lega e Scelta civica e’ stata espressa ”la convinzione che – nella grave situazione venutasi a determinare – sia altamente necessario e urgente che il Parlamento possa dar luogo a una manifestazione di unita’ e coesione nazionale attraverso la rielezione del Presidente Napolitano”.

13:22 – FUMATA NERA PER LA QUINTA VOTAZIONE, ALLE 15 AL VIA LA SESTA - Come previsto, fumata nera per la quinta votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica. Secondo quanto riportato dai dati ufficiali, infatti, Stefano Rodota’ si ferma a quota 210 voti, pari a tre voti in piu’ della somma M5S e Sel, mentre le preferenze per Giorgio Napolitano sono state 20. Altri votati: Emma Bonino (9), Annamaria Cancellieri (3), Massimo D’Alema (2), Franco Marini (2). Ottiene 15 voti il grande elettore Rosario Monteleone. Sono state invece 445 le schede bianche, 17 le nulle. Alle 15 la sesta votazione.

13:18 – NAPOLITANO SI PRENDE QUALCHE ORA PER DECIDERE SE ACCETTARE IL MANDATO BIS - Giorgio Napolitano, lo si apprende da fonti parlamentari, si e’ preso “qualche ora” per decidere la soluzione che gli e’ stata sollecitata da piu’ parti e cioè l’ipotesi di un bis al suo mandato. Al momento sembra questa  l’unica ipotesi a cui si sta lavorando.

12:53 – PROSEGUE LO SCRUTINIO DELLA QUINTA VOTAZIONE, INTANTO NAPOLITANO INCONTRA ANCHE MARONI, COTA E ZAIA - Dopo l’incontro tra Mario Monti e l’uscente capo dello Stato, Roberto Maroni ha richiesto un incontro con Napolitano e insieme a lui sono presenti anche Cota e Zaia. Chiederanno ancora una volta al Capo dello Stato di acconsentire ad un mandato bis, e sul tavolo verranno posti problemi quali il trasporto pubblico locale, la cassa integrazione, problemi che non possono restare in sospeso e per i quali serve un Governo che sappia affrontarli.

12:38 – SI E’ CONSLUSA LA QUINTA VOTAZIONE, AL VIA LO SPOGLIO -  Si è conclusa a Montecitorio la quinta votazione per l’elezione del presidente della Repubblica. Al via allo spoglio in aula. Il Pdl ha scelto di non partecipare alla votazione, mentre Pd, Scelta civica e Lega Nord hanno annunciato di votare scheda bianca. Movimento cinque stelle e Sel votano Stefano Rodotà.

12:06 – DOPO BERSANI, NAPOLITANO INCONTRA BERLUSCONI AL COLLE CON ALFANO E LETTA - E’ la volta di Silvio Berlusconi, ora a colloquio con Napolitano, dopo che quest’ultimo ha ricevuto Bersani. Insieme al Cavaliere anche Angelino Alfano e Gianni Letta.

 11:42 – BERSANI DA NAPOLITANO: ALL’ESAME TUTTE LE IPOTESI - Nell’incontro tra il presidente della repubblica, Giorgio Napolitano, e il segretario del Pd Pier Luigi Bersani ”si sono passate in rassegna tutte le ipotesi”. E’ quanto viene riferito da fonti del Quirinale.

11:29 – SI PROFILA L’IPOTESI “NAPOLITANO BIS” LEGA E PDL FAVOREVOLI - Cresce il “partito Napolitano bis”, sia tra i parlamentari del Pdl sia nella Lega. Entrambi sono convinti che l’attuale Capo dello Stato sia l’unico in grado di garantire le larghe intese per dare stabilita’ al Paese. Alcune fonti riferiscono di contatti telefonici tra il Cavaliere e il Quirinale in questi giorni.

11:20 – BERSANI ANNUNCIA LE DIMISSIONI, RENZI: “FARO’ DI TUTTO PER AIUTARE IL PD A USCIRE DALLA CRISI” - Così Bersani, deluso, ha annunciato: “Non posso accettare il gesto gravissimo compiuto nei confronti di Prodi. Le mie dimissioni saranno operative un minuto dopo l’elezione del presidente della Repubblica”. E Renzi ha commentato la decisione del segretario del Pd su Facebook: “Trovo inevitabile e saggio che Bersani abbia annunciato le sue dimissioni e spero che il mio partito possa subito uscire dalla delicata crisi che stiamo attraversando dal dopo elezioni: nel mio piccolo farò di tutto per dare una mano al Pd e al Paese. Nel frattempo continuo il mio lavoro da Sindaco a palazzo Vecchio“.

10:55 – BERSANI E LETTA A COLLOQUIO CON NAPOLITANO - Si sta svolgendo in questi minuti un incontro tra Pier Luigi Bersani, Enrico Letta e Giorgio Napolitano. Secondo fonti parlamentari, pare che il leader del Pd voglia chiedere al Capo dello Stato di farsi rieleggere.

10:49 – L’APPELLO DI MARIO MONTI: CANCELLIERI SIA LA CANDIDATA DI TUTTI - Mario Monti rivolge un appello a tutte le forze politiche e a tutti i grandi elettori affinchè i voti convergano su Annamari Cancellieri che “non è un esponente di Scelta Civica” afferma Monti, ma “una personalità indipendente che può risolvere in modo unitario con una candidatura dal profilo istituzionale l’urgenza” della elezione del nuovo capo dello Stato. Con in più “la caratura di rinnovamento che rappresenta l’occasione di avere una donna per la prima volta” alla presidenza della Repubblica.

10:30 – BERLUSCONI AI SUOI: SENZA CANDIDATO CONDIVISO NIENTE VOTO - Poco prima delle 10 Silvio Berlusconi ha suggerito ai suoi di non votare scheda bianca, ma di restare fuori dall’Aula per la quinta votazione. Tra i nomi discussi all’interno del Pdl fa di nuovo capolino Giuliano Amato. Sel tifa per Rodotà.

10:09 – AL VIA LA QUINTA VOTAZIONE PER L’ELEZIONE DEL CAPO DELLO STATO, IL PD ANNUNCIA: SCHEDA BIANCA – Ha preso il via la quinta votazione nell’Aula della Camera, per l’elezione del presidende della Repubblica. Ma questo voto sarà destinato a concludersi in un nulla di fatto. Il Pd ha annunciato infatti scheda bianca e il Pdl ha deciso di non partecipare ai lavori dell’Assemblea. Chiamati a esprimere il proprio voti circa un migliaio di grandi elettori.

20:50 – PRODI RITIRA LA SUA CANDIDATURA - ’Oggi mi e’ stato offerto un compito che molto mi onorava anche se non faceva parte dei programmi della mia vita. Ringrazio coloro che mi hanno ritenuto degno di questo incarico. Il risultato del voto e la dinamica che e’ alle sue spalle mi inducono a ritenere che non ci siano piu’ le condizioni. Chi mi ha portato a questa decisione deve farsi carico delle sue responsabilita’. Io non posso che prenderne atto”. Lo dice Romano Prodi in una nota

20:00 – NUOVA ROSA DI NOMI DAL PDL - E anche questo e’ andato…Raccontando che Silvio Berlusconi avrebbe commentato cosi’ con alcuni parlamentari la fumata nera del quarto scrutinio in cui il Pd aveva proposto Romano Prodi come candidato alla presidenza della Repubblica. A questo punto l’ex capo del governo riunito a palazzo Grazioli con i vertici del partito starebbe studiando le prossime mosse convinto di poter tornare in partita con un altro candidato. Nei ‘desiderata’ del Cavaliere ci sarebbero i due ‘soliti noti’ e cioe’ Giuliano Amato e Massimo D’Alema, nomi presenti nella rosa che Bersani aveva recapitato all’ex capo del governo prima di siglare un accordo su Franco Marini. Certo, a palazzo Grazioli, si ha la consapevolezza che con un Pd cosi’ dilaniato la strada per eleggere i due e’ molto complicata. Ecco perche’ si starebbero valutando altre ipotesi come quella di Anna Maria Cancellieri, attuale ministro dell’Interno e candidato di Scelta Civica su cui il Pdl aveva pensato di orientare i suoi voti prima di optare per la decisione di non partecipare al voto. Altro nome che in questo momento starebbe sul tavolo del Cavaliere e’ quello del ministro della Giustizia Paola Severino, un nome che in queste ore potrebbe essere proposto dagli ambasciatori pidiellini al resto dei partito. Silvio Berlusconi avrebbe ribadito ai suoi che il metodo resta sempre lo stesso, e cioe’ la disponibilita’ di votare un nome proposto dal Pd purche’ condiviso.

19: 10 – QUINTA VOTAZIONE DOMANI ALLE 10:00 -  La quinta votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica si terra’ domani mattina alle 10.

19:09 – I VOTI NEL DETTAGLIO - Sono 395 i voti che ha ottenuto Romano Prodi nella quarta votazione per l’elezione del presidente della Repubblica. 78 preferenze sono andate a Anna Maria Cancellieri, 213 a Stefano Rodota’ e 15 a Massimo D’Alema. 

18:58 – PRODI NON CE LA FA, ENNESIMO FALLIMENTO DEL PD - Clamoroso alla 4^ votazione: Prodi non solo non raggiunge la maggioranza assoluta dell’Assemblea (504 voti), ma si ferma addirittura a 395, lontanissimo dal traguardo. Il Movimento 5 Stelle insiste su Rodotà (207 voti, sempre in calo rispetto a ieri e stamattina) mentre Scelta Civica ha votato in modo molto compatto Anna Maria Cancellieri (78 voti). Ci sono state 14 schede bianche, 3 nulle, 15 per D’Alema, due per Napolitano e Marini, una persino a Vittorio Prodi, Emma Bonino, GIuseppe Fioroni e Maurizio Migliavacca.

18:54 – FUMATA NERA PER PRODI, NON OTTIENE IL QUORUM Romano Prodi non raggiunge il quorum per l’elezione al colle. Quando lo spoglio e’ ancora in corso il numero dei voti che non sono andati a Prodi hanno superato quota 231, oltre la quale Prodi (considerando anche le assenze del centrodestra) non puo’ piu’ raggiungere i 504 voti per l’elezione.

18:24 – TERMINATA 4/A VOTAZIONE, AL VIA LO SPOGLIO - Terminata, nell’Aula della Camera, la quarta votazione per l’elezione del presidente della Repubblica. Ha ora inizio lo spoglio delle schede. Per eleggere il nuovo Capo dello Stato da questo scrutinio sono necessari 504 voti.

17:42 – BINDI: PRODI PRESIDENTE VITTORIA PER ITALIA DOMATTINA SPERO DI FESTEGGIARE - “Penso che Prodi Presidente della Repubblica sara’ una vittoria per l’Italia. Sara’ la persona giusta per costruire quel dialogo anche col centrodestra. Nessuno dubitera’ mai che Prodi dialoghi con Berlusconi se non per l’interesse generale e per il bene del paese”. Queste le parole di Rosy Bindi (Pd) a Tgcom24. ”Ho scambiato qualche messaggio con lui – aggiunge – avevo scommesso con lui da lunga data che quantomeno l’avremmo portato fin qui, domani mattina questa scommessa spero di poterla festeggiare. E’ consapevole della serieta’ del momento. Dobbiamo lavorare perche’ il Pd faccia un passo avanti, serve un partito forte in un momento drammatico per il paese. Spero che i franchi tiratori – conclude – si siano sfogati ieri, quel voto non lo meritava Marini, non lo merita Prodi e non lo merita l’Italia”.

17:35 – SCHIFANI: “RIUNIONE SU QUINTA VOTAZIONE” ”Per decidere cosa fare alla quinta votazione ci riuniremo di nuovo”. Lo afferma il capogruppo Pdl al Senato, Renato Schifani, ai giornalisti a Montecitorio.

17:10 – SCONTRO VERBALE TRA PRO-RODOTA’ E ANTI-PRODI- E’ scontro verbale di fronte alla Camera  fra sostenitori di Stefano Rodota’ e attivisti Pdl anti-Prodi. I pro-Rodota’ hanno cominciato a gridare agli attivisti di Fratelli d’Italia ”Per voi la politica e’ solo un panino perche’ Berlusconi e’ il vostro padrino”. I ragazzi di FdI stavano offrendo al pubblico panini alla mortadella, chiara ironia nei confronti di Prodi. Provocati, i militanti del partito di centrodestra hanno risposto gridando in coro ”Prodi vattene, Prodi vattene”.

16:49- PROSEGUE LA CHIAMA- I “Grandi Elettori” stanno esprimendo il loro voto

16:45- SCELTA CIVICA SOSTERRA’ CANCELLIERI- Riunione dei gruppi parlamentari di Scelta Civica: “voteremo il Ministro Anna Maria Cancellerieri”

16:30- I MILITANTI DI FRATELLI D’ITALIA OFFRONO PANE E MORTADELLA- Le manifestazioni anti-Prodi sfociano in un banchetto dove attivisti di destra offrono panini con mortadella

16:06- MOMENTI DI TENSIONE DENTRO E FUORI DALL’AULA- Fuori dal Parlamento proteste da parte di Fratelli d’Italia. Pare siano in corso degli spintoni tra rappresentanti del partito di La Russa e militanti del Popolo Viola. Dentro l’aula, Alessandra Mussolini, si è presentata con una T-Shirt con scritte anti-Prodi, suscitando le proteste di vari parlamentari

16:00- PDL E LEGA NON PARTECIPERANNO AL VOTO- I rappresentanti di Pdl e Lega non parteciperanno alla quarta votazione. Questo quanto emerge da Montecitorio

15:25- HA INIZIO IL QUARTO SCRUTINIO- E’ iniziato il quarto scrutinio per eleggere il Presidente della Repubblica. Da questo scrutinio il quorum è a quota 504.

13:56- QUARTA VOTAZIONE ALLE ORE 15:30- La Presidente della Camera Laura Boldrini ufficializza il risultato della terza votazione (“nessuno raggiunge il quorum”) e l’orario dell’inizio della quarta

13:51- UNA VENTINA DI MONTIANI PRONTI A VOTARE PRODI ALLA QUARTA VOTAZIONE- Una ventina di esponenti di Scelta Civica sarebbero pronti a sostenere Romano Prodi. Ci sarebbero delle trattative in corso

13:40- CONCLUSE LE OPERAZIONI DI SPOGLIO- Rodotà 250- D’Alema 34- Prodi 22- Napolitano 12- Cancellieri 9- Franco Marini 6, Mussolini 5, Bonino 4, Chiamparino 4, Casaleggio 3, Cicchitto 3, Castagnetti 2, bianche 465, nulle 47

13:34- RISULTATI PARZIALI- Rodotà 220- D’Alema 28- Prodi 21- Napolitano 10- Cancellieri 8- Franco Marini 5 bianche 419, nulle 41

13:18- RISULTATI PARZIALI- Rodotà 148- D’Alema 19- Prodi 14- Napolitano 7- Cancellieri 4- Franco Marini 4, bianche 298, nulle 30

13:15- RODOTA’: “NON VOGLIO ESSERE UN OSTACOLO”- Monito del giurista per altre soluzioni per il Colle condivise

12:52- CONCLUSE LE OPERAZIONI DI VOTO, SUBITO LO SCRUTINIO- La Presidente della Camera Laura Boldrini inizia le operazioni di spoglio

12:35- RODOTA’ NON SI RITIRA- Grillo rassicura che Rodotà non si ritirerà dalla corsa al Quirinale

12:16- CHI VOTERA’ PRODI- Pd si, Pdl no, SeL si, Scelta Civica no, Lega Nord no, Fratelli d’Italia no, M5S no

12:11- LA RUSSA, PRODI PEGGIO DI 10 PIAGHE D’EGITTO- Fratelli d’Italia organizza sit-in contro l’ex Presidente del Consiglio proposto al Quirinale dal Pd

11:45- PRODI SAREBBE IN AFRICA- Contattato telefonicamente da Claudio Burlando, il candidato per il Colle del Pd, sarebbe nel continente africano

11:20 PROSEGUE LA CHIAMA- I “Grandi Elettori” stanno esprimendo il loro voto. Berlusconi salta la seconda chiama

10:50- PDL VALUTA VOTO A CANCELLIERI- Berlusconi sembra orientato a sostenere il Ministro Cancellieri, probabile nome di punta di Scelta Civica

10:36- PD E PDL VOTERANNO SCHEDA BIANCA IN ATTESA DELLA QUARTA VOTAZIONE- Pd e Pdl attendono la quarta votazione. Il Pdl, che non voterà Prodi, proposto dai democratici, è probabile sceglia un candidato alternativo. Scelta Civica pare converga, alla quarta votazione, sul Ministro Cancellieri

10:20- SCELTA CIVICA DOVREBBE NON SOSTENERE PRODI- Il centro di Monti dovrebbe annunciare una propria candidatura

10:14- INIZIA LA TERZA VOTAZIONE- Per l’elezione del Presidente della Repubblica sono ancora necessari i due terzi dei Grandi elettori.

10:10- LA SCELTA DI PRODI FA INFURIARE IL PDL- Il partito di Berlusconi è furibondo dalla scelta del Pd di sostenere Prodi

10:00- DI STEFANO (M5S): “NON VOTEREMO PRODI”- Il M5S, a detta del deputato Di Stefano, andrà avanti nel sostenere Rodotà

08:50 – BERSANI PROPONE PRODI - E’ in corso in questi minuti al teatro Capranica l’assemblea del Pd: questo momento sta parlando il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani che, secondo quanto si apprende, ha indicato il nome di Romano Prodi. Applausi dalla platea dei grandi elettori democratici che ha approvato la candidatura all’unanimità. Il Pd voterà per l’ex premier.

19:20- TERZA VOTAZIONE DOMANI ALLE 10:00- Seduta congiunta sospesa alla Camera. Dopo l’ufficializzazione dei voti per la seconda votazione, il Presidente della Camera Boldrini ha annunciato che la terza inizierà domani alle 10:00.

18:55- I VOTI NEL DETTAGLIO- Bianche 418, Rodotà 230, Chiamparino 91, D’Alema 36, Marini 15, altri 139.

parlamento02

18:50- CONCLUSA LA SECONDA VOTAZIONE, DOMINANO LE BIANCHE- Come previsto, hanno dominato le schede bianche nella seconda votazione per il Presidente della Repubblica. Nessun candidato ha quindi raggiunto il quorum. Curiosità: un voto a testa per Rocco Siffredi, Giovanni Trapattoni e Sophia Loren.

18:40- SCRUTINIO IN CORSO, SI CONFERMA MAGGIORANZA BIANCHE- Superati metà dei voti scrutinati: 297 bianche, 170 Rodotà, 70 Chiamparino, 35 D’Alema, 114 altri

18:05- CHIUSA LA SECONDA VOTAZIONE, VIA AGLI SCRUTINI- Si è chiusa anche la seconda votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica. A breve inizierà lo scrutinio dei voti, ma le già annunciate schede bianche di PD e Pdl dovrebbero portare ad un nuovo “nulla di fatto”.

17:55- HANNO VOTATO TUTTI I DEPUTATI, ORA TOCCA A DELEGATI REGIONALI- È stato Pierferdinando Casini l’ultimo Deputato a votare, al termine della seconda chiama. Ora tocca ai delegati regionali.

17:30- L’M5S CHIUDE A PRODI: “RODOTA’ FINO ALLA FINE”- ”Nessuna apertura a Prodi. Noi voteremo fino alla fine Rodota’. Anche se alla quarta votazione spuntasse il nome di Prodi, noi voteremmo ancora per Rodota’“. Cosi’ Roberto Fico, deputato 5 Stelle, parlando con i giornalisti a Montecitorio. E su Facebook ribadisce: “Il nostro candidato si chiama Stefano Rodota’ fino alla fine“.

17:15- VENDOLA APERTAMENTE PRO-RODOTA’- ”Mi auguro che il Pd converga sul nome di Rodota’. Sarebbe un atto di coraggio per il bene del centrosinistra“. Lo dice Nichi Vendola parlando con i cronisti di fronte a Montecitorio.

16:45- VELINA ROSSA: “C’E’ ANCHE IPOTESI MARIO DRAGHI- ”Negli ambienti parlamentari, e soprattutto in quelli istituzionali e politici, corre una voce insistente che circolava ieri sera che, di fronte all’eventuale venir meno della candidatura Marini – scrive la Velina Rossa – vedrebbe il presidente della Bce Mario Draghi accettare la candidatura per il Quirinale data la grave situazione politica ed economica dell’Italia”.

16:30- CHIUSA ANCHE LA SECONDA CHIAMA DEI SENATORI, SI PROCEDE CON I DEPUTATI- Si è chiusa la seconda votazione per i membri del Senato della Repubblica. Adesso tocca ai Deputati della Camera.

16:25- CLAMOROSO DALL’M5S: “PD, VOTA RODOTA’ E CI SARA’ ANCHE GOVERNO”- Hanno del clamoroso le notizie che trapelerebbero dal Movimento 5 Stelle, che avrebbe invitato il Partito Democratico ad appoggiare il candidato Rodotà. Non solo un Presidente della Repubblica condiviso però. L’elezione di Rodotà convincerebbe l’M5s a “fidarsi” del PD e provare a creare un governo insieme.

15:55- SEL E RENZIANI PREMONO PER “PASSO INDIETRO” SU MARINI- Sel, e i deputati “renziani” del Partito Democratico starebbero premendo per un “passo indietro” sul nome di Marini. La scelta della “scheda bianca” da parte del PD ne sarebbe la conferma, per prendere tempo e scegliere un nome che unisca tutti. Si fanno i nomi di D’Alema e Prodi.

15:40- INIZIA LA SECONDA VOTAZIONE- I presidenti della Camera e del Senato, Boldrini e Grasso, stanno per dare via alla seconda votazione. Il PD dovrebbe votare scheda bianca, M5S insisterà su Rodotà. Anche in questo secondo scrutinio, per l’elezione del Presidente della Repubblica occorrono almeno i due terzi dei voti, quindi 672.

15:26- TORNA IN CAMPO L’IPOTESI PRODI- Il nome dell’ex presidente del Consiglio, è stato tirato in ballo da vari esponenti Pd e M5S, Pippo Civati e Roberto Fico

15:10 CRIMI (M5S): “CONTINUEREMO A SOSTENERE RODOTA’”- In una conferenza stampa improvvisata dinanzi a Montecitorio, il capogruppo al Senato del M5S conferma il sostegno dei grillini a Stefano Rodotà

15:00 UFFICIALE, PD:”SCHEDA BIANCA”-  L’ufficio di presidente del partito di Bersani ha deciso per la scheda bianca alla seconda votazione.

14:52- MARINI E’ IN BILICO- Il Pd è spaccato, Scelta Civica valuta di votare Linda Lanzillotta, la Lega Nord non parteciperà al voto. Grillini, SeL e dissidenti Pd insisteranno su Stefano Rodotà

14:36- PD E PDL PROPENSI A VOTARE SCHEDA BIANCA PER LA SECONDA VOTAZIONE- I du principali partiti dello scacchiere politico italiano starebbero valutando la scheda bianca per la prossima votazione

14:29- UN VOTO ANCHE PER VERONICA LARIO E VALERIA MARINI- Nel corso della votazione arriva un voto, rispettivamente, per Veronica Lario, ex moglie di Silvio Berlusconi, e per la show girl Valeria Marini

14:22- PROSSIMA VOTAZIONE ALLE ORE 15:30- La Presidente della Camera Boldrini fissa l’orario dell’inizio della seconda votazione

14:20-RISULTATI UFFICIALI: 999 votanti Marini 521, Rodotà 240, Chiamparino 41, Bonino 14, D’Alema 12, Napolitano 10, Prodi 14, nulle 15, bianche 104

14:05- CONCLUSO LO SPOGLIO:  Conteggio delle schede in corso. E’ ufficiale: Franco Marini non passa

14:00- RISULTATI PARZIALI: Marini 505, Rodotà 238, Chiamparino 41, Bonino 14, D’Alema 12, Napolitano 8, Prodi 14, Monti 1o, nulle 10, bianche 101

13:50 -MARINI NON SARA’ PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AL PRIMO TURNO- Sembra oramai sicuro la non elezioni di Franco Marini al primo turno

13:42- RISULTATI PARZIALI: Marini 315, Rodotà 154, Chiamparino 26, Bonino 1o, D’Alema 9, Napolitano 8, Prodi 6, Monti 2

13:28- RISULTATI PARZIALI: Marini 180, Rodotà 83, Chiamparino 13, D’Alema 7, Bonino 6, Prodi 4, Napolitano 4, Monti 2

13:15: SCRUTINIO IN CORSO, IN VANTAGGIO MARINI  - E’ in corso lo scrutinio presieduto dal Presidente della Camera, Laura Boldrini: al momento è in leggero vantaggio Franco Marini, a seguire Rodotà. Voti anche per D’Alema, Monti, Bonino, Napolitano e Chiamparino. Si registrano anche diverse schede bianche.

13:06- CHIUSA LA VOTAZIONE- La Presidente della Camera Boldrini inizia lo scrutinio

13:05- PD-PDL:PRONTI A SOSTENERE MARINI AL QUARTO SCRUTINIO- Se non dovesse passare al primo turno, Marini potrebbe essere eletto, con la maggioranza assoluta alla quarta votazione.

12:50- CONCLUSA ANCHE LA SECONDA CHIAMA – Conclusa in questi istanti la seconda chiama per i deputati, richiamati al voto i senatori assenti nella chiama precedente. Inizia adesso la chiama dei delegati Regionali.

12:40- PARTE DEL PD SI RICOMPATTA- I ‘giovani turchi’ dei democrat, pur esprimendo dissenso, rispetteranno l’indicazione del gruppo. I renziani non voteranno Marini

12:22- FRANCO MARINI ATTENDE L’ESITO DEL VOTO A PALAZZO GIUSTINIANI- Il candidato in pectore di Pd, Pdl, Lega e Scelta Civica sta attendendo il risultato nel suo studio di ex presidente del Senato a Palazzo Giustiniani

12:15- LE OPERAZIONI DI VOTO PROSEGUONO A RILENTO- In aula si respira tensione tra i “grandi elettori”

11:44 – FRANCO MARINI O STEFANO RODOTA’? IL CENTROSINISTRA SI DIVIDE - Sel  decide per il voto unanime a Stefano Rodotà. “Ma questa divergenza di posizioni – precisa Nichi Vendolanon significa il tramonto dell’alleanza con il Pd”. A favore del giurista, come già detto, oltre ai grillini vi sono anche i renziani, in tutto una cinquantina fra deputati e senatori. “Meglio lui di Marini”, ha scandito Matteo Renzi, che ha bocciato con forza l’intesa tra Pd e Pdl sul nome dell’ex sindacalista.

11:32- PROSEGUE LA SECONDA CHIAMA-  Bocche cucite da parte dei “grandi elettori” che attendono in Transatlantico. La convergenza tra Pd-Pdl- Scelta Civica potrebbe non bastare per l’elezioni al primo turno di Franco Marini

11:02- SI CHIUDE LA PRIMA CHIAMA- Da ulteriori indiscrezioni “alti” dirigenti del Pd, tra cui Laura Puppato ed Ignazio Marino, avrebbero votato Stefano Rodotà

10:50- PROSEGUE LA PRIMA VOTAZIONE- Dalle prime indiscrezioni mancherebbero pochi voti (forse 6) per l’elezione al primo turno di Franco Marini.

10:15 – INIZIATA LA PRIMA VOTAZIONE - E’ cominciata nell’aula della Camera la votazione per l’elezione del dodicesimo Presidente della Repubblica. Nell’emiciclo di Montecitorio sono riuniti i 1007 ‘grandi elettori’: 319 senatori (compresi i 4 a vita), 630 deputati e i 58 delegati regionali. La seduta e’ presieduta dal presidente della Camera Laura Boldrini, affiancata dal presidente del Senato Pietro Grasso. L’ordine di chiamata prevede, in ordine alfabetico, prima i senatori, poi i deputati e infine i delegati regionali. Il voto e’ a scrutinio segreto per schede. In questa prima votazione (e nelle due successive) il quorum richiesto e’ quello dei due terzi degli aventi diritto al voto, pari a 672 voti.

ORE 10:00 – OGGI LA PRIMA SEDUTA PER L’ELEZIONE DEL NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA - Al via la prima riunione del Parlamento in seduta comune per l’elezione del nuovo capo dello Stato, fissata alle 10, con Franco Marini (80 anni) avanti ai nastri di partenza. L’ex presidente del Senato, indicato dal Pd dopo una discussa intesa con il Pdl, deve pero’ superare la soglia di 672 voti (su 1007 grandi elettori) necessaria nelle prime tre votazioni. A sfidare Marini, formalmente, e’ Stefano Rodotà (anche lui 80enne), il candidato del Movimento 5 stelle sul quale pero’ dovrebbero convergnre anche altri voti, a partire da quelli di Sel che stamattina hanno deciso di puntare sul giurista. Sulla carta Marini dovrebbe contare su 706 voti, visto che dagli 835 elettori di Pd, Pdl e Scelta civica bisogna sottrarre i renziani (51), Sel (42) e Lega (36). Si tratta di numeri davvero teorici, pero’, perche’ nella riunione del gruppo del Pd di ieri il dissenso su Marini e’ andato molto oltre l’area che fa riferimento a Matteo Renzi (Pippo Civati ha stamattina annunciato il voto per Rodotà).

QUIRINALE: SCELTA CIVICA VOTA MARINI A PRIMA VOTAZIONE - Scelta Civica votera’ Franco Marini fin dalla prima votazione. In una riunione del mattino e’ passata la linea del capogruppo al Senato, Mario Mauro, fortemente sostenuta da Pier Ferdinando Casini. Ieri, sul nome di Marini, c’erano state resistenze di una parte dei montiani.

QUIRINALE:LEGA RIUNITA,SI’ MARINI A PRIMA VOTAZIONE - La Lega votera’ per Marini fin dalla prima votazione. E’ quanto ha deciso la riunione della Lega in corso alla Camera, secondo quanto riferito da alcuni partecipanti.

QUIRINALE: BOSSI, OGGI SOSTERREMO ‘NOSTRA’ DAL LAGO - ”Oggi sosterremo uno dei nostri, la Dal Lago”. Lo dice Umberto Bossi al suo arrivo al gruppo della Lega alla Camera. Il presidente del Carroccio non ha pero’ preso parte alla riunione dei gruppo nel quale si sarebbe invece deciso di sostenere Franco Marini alla prima votazione.

QUIRINALE: GRANDI ELETTORI SOCIALISTI VOTANO EMMA BONINO - I grandi elettori socialisti indicheranno il nome di Emma Bonino alla prima votazione del Parlamento in seduta comune per la scelta del presidente della Repubblica.

parlamentoTUTTO PRONTO A MONTECITORIO - Tutto pronto a Montecitorio per il via alle votazioni che daranno all’Italia il dodicesimo Capo dello Stato della storia repubblicana. Le quattro cabine in legno allestite davanti allo scranno del presidente della Camera sono pronte ad accogliere i 1.007 ‘grandi elettori’, 319 senatori, compresi i 4 a vita, 630 deputati e 58 delegati regionali. A presiedere la seduta sara’ la presidente della Camera Laura Boldrini, affiancata dal presidente del Senato Piero Grasso. Le schede con i nomi dei candidati saranno deposti nell”insalatiera’, come e’ stata ribattezzata la grande urna in vimini ricoperta di raso verde con decorazioni dorate. Per primi, in ordine alfabetico, voteranno i senatori, poi i deputati ed infine i delegati regionali. Per esprimere il voto e’ obbligatorio adoperare una matita simile a quella usata nella cabina elettorale dai cittadini. Vietato utilizzare biro o penne stilografiche. Per evitare brogli, le schede sono di colore diverso ad ogni nuova votazione. Divieto assoluto di portare in cabina il cellulare.