Lampedusa: fermata nave turca che trasportava una tonnellata di hashish. Arrestato l’equipaggio

guardia di finanzaLe unita’ navali della Guardia di Finanza hanno fermato, nelle acque tra Malta e Lampedusa, una nave di 60 metri con a bordo oltre una tonnellata di hashish. I dieci componenti dell’equipaggio sono stati arrestati. La notizia di una nave turca carica di sostanze stupefacenti destinate al mercato mediorientale, riferisce una nota, era stata comunicata al Comando operativo aeronavale di Pratica di Mare nella tarda mattinata di ieri. In poche ore e’ stato mobilitato un efficace dispositivo aeronavale costituito da quattro unita’ d’altura e un elicottero.

I pattugliatori, provenienti dai diversi reparti siciliani, sotto il controllo operativo del Gruppo aeronavale di Trapani, hanno ‘agganciato’ la nave e l’hanno controllata per tutta la notte, in attesa di ricevere l’autorizzazione all’abbordaggio dello Stato turco. Sin dalle prime luci dell’alba, spiega la nota, le unita’ della Guardia di Finanza si sono tenute a portata radar, evitando di farsi scorgere dall’equipaggio della nave turca, per non insospettirlo. Quando intorno alle dieci del mattino e’ giunto l’ok dall’Autorita’ turca, dopo un breve inseguimento il cargo e’ stato circondato e abbordato dai mezzi aeronavali. La manovra di affiancamento e’ stata rapida, tanto da consentire il ritrovamento a bordo di una tonnellata di hascisc, nonostante i trafficanti siano riusciti a disfarsi di una piccola parte del carico gettandolo in mare.

Sulla nave, oltre ai cinque membri dell’equipaggio di origine turca, erano imbarcati anche cinque aspiranti ufficiali della Marina Mercantile egiziana in tirocinio, la cui posizione e’ al vaglio degli inquirenti. Il cargo, scortato dalle unita’ navali che hanno effettuato l’operazione e da quelle del Reparto operativo aeronavale di Palermo, e’ ora diretto verso il Porto di Pozzallo, dove e’ atteso a tarda notte per gli ulteriori approfondimenti investigativi a cura al Comando provinciale di Ragusa.