Intestazione fittizia di autoveicoli: in Calabria 245 infrazioni

polizia stradaleNel corso di una conferenza stampa che si è svolta oggi a Catanazaro, alla presenza del dirigente del Compartimento, Vincenzo Gigli, del vice questore aggiunto, Francesco Minniti, e dell’ispettore capo Benedetto Colubriale, sono stati illustrati i dati riferiti alla Calabria, di un’indagine nazionale sull’intestazione fittizia di autoveicoli. Ebbene, sono stati individuati quattro intestatari fittizi e 245 veicoli che sono stati ora radiati dalla circolazione; elevate 245 infrazioni, per un totale di circa 130mila euro. La polizia stradale della Calabria ha esaminato i casi di 69 persone fisiche che risultavano intestatarie di oltre cinque veicoli ciascuno.
Particolarmente emblematico è il caso di Vibo Valentia: A.V., residente a Simbario e gia’ noto alle forze dell’ordine, titolare di un’impresa individuale per il commercio di autoveicoli, si sarebbe intestato 228 veicoli in maniera fittizia per poi rivenderli a terzi senza passaggio di proprietà. Tra i mezzi individuati risultano anche Suv di grossa cilindrata.
Altri due casi sono stati scoperti a Crotone, dove due persone, gia’ note alle forze dell’ordine, hanno ammesso l’intestazione fittizia degli autoveicoli che sarebbero stati ceduti ad amici e conoscenti. Il dirigente Gigli ha sottolineato che “e’ la prima operazione del genere condotta in Italia, grazie all’introduzione dell’articolo 94 bis della legge 120/2010 che consente la richiesta di cancellazione dei veicoli su richiesta della Polstrada. Sono in corso le indagini sull’eventuale utilizzo di questi veicoli per compiere attivita’ illecite, dal momento che con lo stratagemma dell’intestazione fittizia era impossibile risalire al reale proprietario. A livello nazionale e’ stato dimostrato – ha concluso – che in molti casi sono stati compiute furti, rapine, incidenti stradali con la fuga del responsabile e molto altro“.