Giovanni Rana torna nelle scuole di Reggio Calabria per accompagnare i bambini alla scoperta del cibo e dei suoi ingredienti

giovanni ranaGiovanni Rana torna anche quest’anno nelle scuole elementari di Reggio Calabria e provincia con la terza edizione di Fantavventure a tavola, il progetto ludico-didattico gratuito su cibo e alimentazione promosso dal Pastificio Rana e indirizzato alle prime tre classi delle scuole primarie.

Giunto alla sua terza edizione, Fantavventure a tavola ha visto il coinvolgimento nelle passate edizioni di 27 scuole elementari nella provincia di Reggio Calabria, dove anche quest’anno hanno aderito 16 istituti riconoscendo nel progetto un valido supporto didattico. I docenti hanno infatti a disposizione un programma semplice, interattivo e stimolante in grado di trasmettere ai più piccoli i principi della sana e corretta alimentazione.

All’interno del kit didattico, distribuito gratuitamente alle scuole che ne hanno fatto richiesta, giochi e attività da svolgere in classe e a casa stimolano la curiosità di bambini e bambine per far loro conoscere il mondo del mangiare sano.

Fantavventure a tavola, i racconti del Mago Giovanni, propone una nuova divertente favola come spunto coinvolgente per parlare con i più piccoli, affrontando temi che riguardano la quotidianità dei bambini in modo immediatamente comprensibile.

Il Mago Giovanni, due principesse, un cavaliere, un simpatico drago e i nuovi personaggi Costolone Pallido, Sfoglinda e gli Antichi Sughi Kit Fantavventure a tavolaaccompagnano i bambini tra sapori e ingredienti dell’alimentazione sana ed equilibrata: tante attività da fare a scuola e a casa per imparare il valore del cibo sano e di qualità, variato negli ingredienti, nella quantità necessaria, gustato in compagnia e nei giusti intervalli di tempo.

Studenti e insegnanti potranno poi mettere alla prova la loro creatività partecipando a Colori in pasta, il concorso educativo abbinato al progetto. Le classi potranno partecipare inventando il piatto di pasta più appetitoso e colorato senza dimenticare i valori nutrizionali. Una volta creato il FantaPiatto i bimbi potranno disegnarlo, trasformarlo in collage, cucinarlo e inviare una fotografia, trascriverlo in bella grafia su un invito, raccontarlo in una nuova Fantavventura, trasformarlo in un servizio da telegiornale o riportarlo secondo qualsiasi altra idea creativa. Le modalità sono molte e resta solo l’imbarazzo della scelta.

Le classi avranno la possibilità di aggiudicarsi bellissimi premi: per i vincitori una gita al Pastificio Rana e la partecipazione a una lezione di cucina dove i bambini potranno letteralmente mettere “le mani in pasta”; a questo si aggiunge un contributo di 1.000 euro per la scuola. Le tre classi seconde classificate riceveranno un contributo di 1.000 euro per un viaggio di istruzione e di 500 euro per l’acquisto di materiali didattici.