Giocare a carte per riempire i pomeriggi primaverili

giocare a carteLa partita a carte pomeridiana è ancora un’abitudine ben radicata tra i signori del Mezzogiorno d’Italia, specialmente tra i calabresi e i siciliani, che si riuniscono spesso al bar o nei circoli per passare il tempo giocando alla classica briscola o a poker. Ho scritto tra i signori non a caso perché è molto raro che le signore mediterranee frequentino questi luoghi pubblici di aggregazione ritenuti più adatti agli uomini, preferendo piuttosto organizzare i loro pomeriggi dedicati al piacere delle carte riunendosi in casa con le amiche.

Sempre al Sud ci son invece persone che, un po’ per tradizione familiare, un po’ per convinzione propria, desiderano giocare a carte nel più totale anonimato, in silenzio, senza compagni di gioco reali ma con compagni virtuali, in quanto preferiscono giocare su internet collegandosi tramite pc alle varie poker room presenti sul web. I casinò online sono diventati sempre più apprezzati dai giocatori proprio perché garantiscono l’anonimato, infatti, per essere identificati nelle sale da gioco virtuali non è necessario usare per forza il proprio nome e cognome, ma basta usare semplicemente un nickname a piacere. Ovviamente, i dati anagrafici del giocatore saranno richiesti dal casinò virtuale soltanto nella fase d’iscrizione, spesso assieme ai dati bancari, ma non verranno mai divulgati a terzi.

I casinò online sono una comodità straordinaria per chi ama il gioco d’azzardo e vive in Sicilia, in Calabria o nel meridione in generale, poiché in queste zone non è presente nessun casinò terrestre, il più vicino essendo quello di Malta ma bisogna fare i conti con gli immancabili costi di viaggio che scoraggiano non di poco la partenza del giocatore. La rete, con i suoi casinò virtuali, ha risolto il problema dei costi di viaggio regalando ai tanti appassionati del gioco d’azzardo dei momenti indimenticabili da potere assaporare direttamente dalle stanze della propria abitazione, davvero una conquista importante!

Articolo Pubbliredazionale