E’ morto Antonio Passaniti: addio a un giornalista con la Calabria nel cuore

Addio_Antonio_PassanitiE’ morto ieri mattina all’età di 58 anni il giornalista reggino Antonio Passaniti (vedi foto): nella Milano che lo aveva adottato sin da giovane, ha salutato per sempre il mondo a cui amava sorridere. Dopo un lungo periodo di malattia è venuto a mancare all’alba di lunedì 8 aprile, dopo aver dedicato tutta la sua vita al mondo del giornalismo, fondando il giornale Legno Storto di cui era Direttore Responsabile. Libero, assolutamente indipendente o meglio, come diceva sempre, “schiavo solo delle mie idee e delle mie convinzioni“, nel 2010 era tornato in Calabria e precisamente a Reggio, nella città dei suoi genitori in cui era nato nel 1954 e si era formato. Era tornato a Reggio con un carico di idee e iniziative per una città che “vedo rinascere“, come confidava ai suoi amici più cari con i quali ha fondato la testata Il Calcestruzzo. Tra i più attivi sostenitori del Ponte sullo Stretto, è stato il regista dell’operazione che ha portato un affermato docente universitario come il prof. Bruno Sergi e un apprezzato esponente della vita politica e sociale reggina come il dott. Giovanni Alvaro a fondare il “Comitato Ponte Subito” che ad oggi vanta migliaia di iscritti e rappresenta una voce in rappresentanza del territorio. Nei mesi di attività a Reggio, Antonio aveva presentato un progetto “che renderà più accogliente questa città ai turisti, e che scatenerà la creatività dei reggini“: un concorso per il “Balcone più bello dello Stretto“, con un premio che un’apposita giuria avrebbe rilasciato al reggino che avrebbe arredato nel modo più fantasioso, colorato e affascinante il proprio balcone. “Gli amanti di piante e fiori si divertiranno, e la città sarà molto più bella e colorata, a costo zero. L’impatto tra le strade e le vie del centro sarà ben differente rispetto a quello attuale“, aveva scritto nel progetto che poi, però, si perse nei meandri di una città che da quel momento ha smarrito il cammino di crescita e sviluppo che aveva intrapreso negli anni precedenti. Una città che, però, non ha perso e non perde la memoria. E allora noi di StrettoWeb, stringendoci intorno alla famiglia di Antonio, alla quale esprimiamo le nostre più sentite condoglianze, ci batteremo per portare a compimento quella che era la sua idea, affinché possa davvero realizzarsi in città il concorso per il “Balcone più bello“, con l’istituzione del “Premio Antonio Passaniti” al vincitore. All’insegna del sorriso, di quel sorriso che Antonio sempre portava con se.