Borsa & Finanza: Wall Street, inizia la correzione

meta (2)Prima seduta della settimana in tono negativo per tutte le borse del Vecchio Continente appesantite altresì dal pessimo andamento di Wall Street, in apertura di giornata, chiudono la seduta con la freccia rossa in prossimità dei minimi intraday registrati in mattinata. Al fixing peggior listino europeo è risultato proprio Piazza Affari (-0.96%) che cede quasi un punto percentuale riportandosi in area 15300 punti. A seguire troviamo Londra (-0.64%), Parigi che chiude in discesa di mezzo punto, Francoforte (-0.41%) ed infine Madrid (-0.33%). A colpire ieri tuttavia è stato soprattutto il tonfo delle materie prime, in primis i metalli preziosi, l’oro ha ceduto a fine giornata quasi dieci punti percentuali definendo dei minimi a 1320$ l’oncia, un ribasso su base daily che non si registrava da qualche anno. Sul mercato valutario sono proseguiti gli acquisti di yen rispetto all’euro e al dollaro americano mentre forti vendite sul dollaro australiano che cede oltre due figure rispetto al dollaro Usa. Lo spread tra Btp-Bund stabile a 308 bp.

Giornata decisamente negativa, la peggiore da cinque mesi a questa parte, per Wall Street che vede iniziare la correzione di cui più volte avevamo parlato nei giorni scorsi. Seduta chiaramente direzionale che ha condotto i listini americani a chiudere in forte rosso in prossimità dei minimi di giornata. L’indice peggiore è risultato il Nasdsq (-2.38%), a seguire lo S&P500 (-2.30%) ed infine il Dow Jones (-1.79%).

Tornando a Piazza Affari venerdì in vetta al nostro listino Lottomatica (+2.31%) in salita di oltre due punti, a seguire Popolare di Milano (+2.25%), Mediobanca (+1.33%), Mediolanum (+1.23%) ed infine A2a (+0.64%) che prosegue nella sua ascesa. In rosso male Fiat auto (-4.26%), in calo di oltre quattro punti, vendite anche per Telecom (-3.30%) dopo i rialzi della scorsa ottava, Buzzi Unicem (-3.23%), Tenaris (-3.17%) che si riporta in area 15€, male ancora una volta Pirelli (-2.86%).

Per la giornata odierna dal punto di vista macroeconomico sul fronte Usa si guarderà alle 14.30 al dato sull’inflazione su base mensile, all’avvio di nuovi cantieri e alle licenze di costruzione. Alle 15.15 verrà inoltre diffuso il dato relativo alla produzione industriale su base mensile rivista in diminuzione allo 0.3%. Prima dell’avvio degli scambi a Wall Street si conosceranno i risultati societari di Coca Cola, BlackRock e Goldman Sachs. In agenda troviamo anche la trimestrali di  Johnson e Johnson dalla quale ci si attende un eps pari a 1.41$ per azione. Dopo la chiusura delle contrattazioni l’attenzione si sposterà sui numeri del primo trimestre di Intel e di Yahoo. Sul fronte europeo da monitorare alle ore 10.00 la bilancia commerciale italiana e un’ora più tardi sarà la volta dello Zew e del dato sull’inflazione europea. In agenda alle ore 15.00 anche un intervento da parte del Presidente della Bce Mario Draghi. A Piazza Affari l’attenzione degli investitori sarà rivolta ai conti di Exor, da seguire anche Enel Green Power negl giorno in cui verrà presentato il piano industriale e Prysmian prevista l’assemblea degli azionisti per l’approvazione dei dati di bilancio dell’ultimo esercizio.

Ti ricordiamo inoltre gli eventi formativi di questa settimana.

Martedì 16 Aprile 19:00-20:30 - Elephant Strategies 2/2

Mercoledì 17 Aprile 14:00-15:30 - XTB METATRADER ACADEMY – one to one Live trading webinar 3/4

Giovedì 18 Aprile 17:00-18:30 - Range bar Trading Methods 2/2

Venerdì 19 Aprile 17:00-18:00 - Harmonic Price Pattern

Marco Dall’Ava

marco.dallava@xtb.it

XTB Italia

X- Trade Brokers Dom Maklerski non è responsabile di eventuali decisioni di investimento che vengono prese sotto l’influenza delle informazioni ricevuta tramite questa email. Nessuna delle informazioni presenti  può essere considerata come una raccomandazione, promessa o garanzia che l’investitore otterrà un profitto o minimizzare i rischi tramite l’utilizzo di informazioni presenti o come un invito ad investire su strumenti finanziari di cui non si ha una conoscenza appropriata.
Le transazioni in CFD sono ad alto rischio e possono causare perdite superiori l’investimento iniziale. Negoziare con le opzioni e contratti a termine richiede conoscenza degli strumenti finanziari e senso di responsabilità.