Borsa & Finanza: Occhi puntati su Piazza Affari

mobileIeri tutti i mercati europei sono rimasti chiusi per festività mentre, dopo la chiusura di venerdì, è tornata alle contrattazioni Wall Street: i listini Usa dopo un avvio di giornata positivo con relativo ritest dei massimi della scorsa ottava hanno definito una correzione in seguito alla pubblicazione, nel primo pomeriggio, di un dato macroeconomico, l’Ism manifatturiero che ha disatteso il consensus di mercato di circa tre punti, causando così vendite su tutti e tre i principali listini che hanno terminato una seduta in territorio negativo: il future “più pesante” è stato il Nasdsq (-0.87%) in calo di quasi un punto percentuale, male anche lo S&P500 (-0.45%) contiente viceversa le perdite il DJ (-0.04%) che cede solo frazionalmente. Sul fronte valutario torna a rivalutarsi la moneta unica nei confronti del dollaro americano che si riporta a 1.2872 testando così la prima resistenza di breve termine. Ritest dei massimi di periodo anche per il cable in area 1.5250 debolezza viceversa su usdjpy ed eurjpy.

Sul fronte europeo nell’ultima seduta, quella di giovedì scorso, avevamo registrato un timido tentativo di rimbalzo tecnico dopo le vendite dei giorni precedenti: il listino migliore era stato quello francese in salita di circa mezzo punto percentuale, freccia verde anche per Londra (+0.38%), Madrid (+0.14%) e Francoforte (+0.08%), lieve calo nel finale solo per Piazza Affari che chiude in ribasso dello 0.10%.

A Piazza Affari giovedì in vetta al nostro listino troviamo due banche popolari duramente colpite dai ribassi nei giorni precedenti: si tratta di Bper (+3.39%) ed Ubi Banca (+3.31%), a seguire Tenaris (+1.33%), Azimut (+1.20%) ed infine Telecom Italia (+1.10%) che guadagna poco più di un punto percentuale. In rosso, maglia nera di giornata Prysmian (-3.02%) che con un calo di tre punti percentuali si riporta in area 16€, vendite anche su Buzzi Unicem (-2.19%), Mediaset (-2.14%) prese di beneficio dopo il forte rialzo della vigilia, Finmeccanica (-1.88%) ed infine il titolo tecnologico Stm (-1.81%).

Per la giornata odierna dal punto di vista macroeconomico sul fronte Usa si guarderà alle ore 15.00 agli ordinativi industriali previsti in salita al 3.1%. Sul fronte europeo da seguire in mattinata i vari Pmi manifatturieri dei paesi europei e il tasso di disoccupazione italiano ed europeo entrambi rivisti in salita di uno 0.1%.

Ti ricordiamo inoltre gli eventi formativi di questa settimana.

Martedì 2 Aprile 19:00 – 20:30 – Elephant Trading 1/2

Mercoledì 3 Aprile 14:00 – 15:30 – XTB METATRADER ACADEMY – one to one Live trading webinar 1/4

Giovedì 4 Aprile 17:00 – 18:30 – Range bar Trading Methods 1/2

Giovedì 4 Aprile 14:20 – 14:40 – Flash news

Marco Dall’Ava

marco.dallava@xtb.it

XTB Italia

X- Trade Brokers Dom Maklerski non è responsabile di eventuali decisioni di investimento che vengono prese sotto l’influenza delle informazioni ricevuta tramite questa email. Nessuna delle informazioni presenti  può essere considerata come una raccomandazione, promessa o garanzia che l’investitore otterrà un profitto o minimizzare i rischi tramite l’utilizzo di informazioni presenti o come un invito ad investire su strumenti finanziari di cui non si ha una conoscenza appropriata.
Le transazioni in CFD sono ad alto rischio e possono causare perdite superiori l’investimento iniziale. Negoziare con le opzioni e contratti a termine richiede conoscenza degli strumenti finanziari e senso di responsabilità.