Borsa & Finanza: nuovi massimi per Wall Street

screen-aDopo il rally che aveva caratterizzato la vigilia dove soprattutto Madrid e Milano si erano messe decisamente in luce guadagnando a fine seduta oltre tre punti percentuali ieri abbiamo registrato una prosecuzione del rialzo, anche se in tono decisamente minore con inoltre una chiara perdita di momentum e di spinta rialzista, circostanza tuttavia assolutamente normale dopo l’allungo deciso configuratosi mercoledì. Al fixing la borsa più brillante è risultata Parigi (+0.85%), vicina al punto percentuale di rialzo, a seguire Francoforte (+0.78%) e Piazza Affari (+0.58%). In verde anche Londra (+0.45%) che sfiora il mezzo punto di guadagno ed infine Madrid (+0.28%). Sul mercato valutario ancora una seduta piuttosto interlocutoria, eurusd dopo aver testato area 1.3140 cede qualcosa, da sottolineare i nuovi minimi per lo yen, anche se nella seduta asiatica recupera qualcosa in seguito delle prese di beneficio sul Nikkei. Lo Spread tra Btp-Bund si mantiene stabile a 301 bp..

Ancora ben intonata Wall Street che ieri aggiorna nuovamente i suoi massimi sia sullo S&P500 che sul Dj anche se ritraccia leggermente nel finale dai massimi intraday. A fine seduta troviamo il DJ (+0.42%), a seguire lo S&P500 (+0.36%) più debole il Nasdsq che avanza solo dello 0.09% in seguito alla comunicazione di un deciso calo delle vendite di pc negli ultimi mesi, notizia che ovviamente ha indebolito il settore tecnologico.

Tornando a Piazza Affari ieri in vetta al nostro listino principale troviamo Mediaset (+8.42%) che si riporta così in prossimità di area 1.80, denaro su Stm (+3.47%) che recupera dopo i precedenti cali, in verde Mediolanum (+2.57%), Finmeccanica (+2.50%) e Mps (+1.89%) ancora in salita dopo il balzo della vigilia di quasi quindici punti percentuali. Maglia nera di giornata ieri Ferragamo (-1.36%), vendite anche su Mediobanca (-1.09%), Autogrill (-1.07%), Prysmian (-1.05%) ed infine Campari (-0.97%) che cede poco meno di un punto.

Per la giornata odierna dal punto di vista macroeconomico sul fronte Usa si guarderà alle 14.30 alla pubblicazione delle vendite al dettaglio su base mensile e ai prezzi alla produzione, successivamente alle 15.55 verrà pubblicato il dato preliminare dell’UoM previsto in salita a 79.1 punti. Da segnalare inoltre alle 18.30 un intervento da parte del Presidente della Fed Ben Bernake. Anche sul fronte societario sarà una seduta piuttosto importante in quanto verranno diffusi i risultati di Jp Morgan e di Wells Fargo. In Europa alle ore 11.00 si conoscerà il dato relativo alla produzione industriale, mentre nel primo pomeriggio avranno inizio i lavori dell’Eurogruppo a Dublino. A Piazza Affari da monitorare in primis il settore bancario in vista della diffusione delle trimestrali americane.

Marco Dall’Ava

marco.dallava@xtb.it

XTB Italia

X- Trade Brokers Dom Maklerski non è responsabile di eventuali decisioni di investimento che vengono prese sotto l’influenza delle informazioni ricevuta tramite questa email. Nessuna delle informazioni presenti  può essere considerata come una raccomandazione, promessa o garanzia che l’investitore otterrà un profitto o minimizzare i rischi tramite l’utilizzo di informazioni presenti o come un invito ad investire su strumenti finanziari di cui non si ha una conoscenza appropriata.
Le transazioni in CFD sono ad alto rischio e possono causare perdite superiori l’investimento iniziale. Negoziare con le opzioni e contratti a termine richiede conoscenza degli strumenti finanziari e senso di responsabilità.