fbpx

Messina, vertenza Triscele: scampati i licenziamenti, si pensa ad una proroga di sei mesi della cassa integrazione

Stamane gli ex lavoratori Triscele sono tornati in Prefettura per confrontarsi ancora una volta con il gruppo Faranda. Naturalmente era presente il Prefetto Stefano Trotta, che nelle ultime settimane si è speso molto per riuscire a individuare una strada che eviti i licenziamenti, e c’erano il vice Prefetto Romano, il direttore dell’Ufficio Provinciale del Lavoro Francesco De Francesco e i rappresentanti dei sindacati Cgil, Cisl, Fai Cisl, e Uila Uil.

Appena due giorni fa il Prefetto aveva già incontrato il gruppo Faranda per capire le intenzioni dell’azienda. Il fulcro dell’incontro si è concentrato sul tanto discusso e atteso piano industriale, che i lavoratori attendono per poter tornare a lavorare, e che sarebbe dovuto arrivare dopo il cambio di destinazione d’uso dell’area di via Bonino in cui sorgono gli stabilimenti.

Durante la riunione è emersa una proposta che potrebbe aprire uno spiraglio; il direttore dell’Ufficio provinciale del Lavoro De Francesco ha avanzato l’idea di garantire una proroga di sei mesi alla cassa integrazione in deroga che scadrà il 31 dicembre e che di fatto lascerebbe i 41 ex lavoratori senza sussidi e senza occupazione. Non una soluzione, ma un cuscinetto che darebbe tempo per la progettazione del tanto decantato piano industriale, per vagliare eventuali riorganizzazioni aziendali e favorire l’attrazione di nuovi investimenti, ma soprattutto evita i licenziamenti che scatterebbero con la fine della cassa integrazione. Il gruppo Faranda ha chiesto qualche giorno di tempo per poter riflettere, e così si tornerà a discutere in Prefettura la prossima settimana, sperando che ci siano le condizioni per poter avviare questa proroga. Intanto mercoledì 12 dicembre anche a Palazzo Zanca si discuterà della delicata vertenza Triscele. Il commissario Croce e il presidente del consiglio comunale Pippo Previti proveranno a fare luce, insieme ai sindacati, su alcuni aspetti della vicenda.