fbpx

L’assessore ai Lavori pubblici del comune di Rosarno,Teodoro De Maria, vittima di una intimidazione

Ben 65 piante di “clementine” di proprietà di Teodoro De Maria, assessore ai lavori pubblici, della giunta di Elisabetta Tripodi, è stato completamente squarciato da ignoti.Il taglio dell’agrumeto rappresenta un attacco non certo economico ma morale e intimidatorio, in un territorio, in cui la criminalità è molto accentuata. De Maria non è nuovo ad attacchi che mirano ad “impaurire” la sua famiglia: difatti sono già tre gli “attentati” da quando ha assunto la carica di assessore comunale. L’assessore ha subito presentato denuncia alle forze dell’ordine, le quali stanno indagando sull’accaduto. In una nota, il gruppo consiliare al comune di Rosarno , “Sinistra per Rosarno”, esprime solidarità a De Maria e alla sua famiglia per “questo nuovo atto ignobile che non attenuerà di un attimo l’impegno nella lotta per l’affermazione della legalità di cui il nostro territorio ha enormemente bisogno e del quale l’intera amministrazione comunale di Rosarno con a capo il sindaco Elisabetta Tripodi ne è protagonista”. “Tutti insieme – dicono i componenti del gruppo- possiamo e dobbiamo far crescere la cultura della verità e della giustizia per dare un futuro alla nostra collettività e questi gesti non ci fermeranno ma rafforzeranno il nostro ed il tuo impegno nell’obbiettivo comune che ci siamo posti, affermare la legalità nel nostro territorio”.