fbpx

Il reggino Tino Scopelliti eletto vicepresidente Nazionale dell’Asi

“Cari amici ed amiche, fra poco più di un anno festeggeremo insieme il ventennale di Alleanza Sportiva Italiana. Vent’anni di storia, di passione e di impegno vissuti intensamente”. Con queste parole, il Presidente Nazionale ASI, Claudio Barbaro, ha dato il via all’Assemblea Nazionale Straordinaria e Ordinaria che si è svolta nei giorni 15 e 16 Dicembre 2012, presso Montesilvano  in provincia di Pescara. Nel corso dell’Assemblea, si è proceduto all’approvazione delle modifiche statutarie proposte dalla giunta e alla variazione della denominazione dell’Ente da Alleanza Sportiva Italiana ad Associazioni Sportive Sociali Italiane, fermo restano l’acronimo “ASI”. Inoltre, sono stati riconfermati i dirigenti calabresi Vittorio Fanello in giunta, Pino Scianò alla presidenza del consiglio nazionale e Giuseppe Agliano in consiglio nazionale. Nonostante la restrizione da 36 a28, new entry in consiglio nazionale per il reggino Nino Girella, già presidente regionale e membro delle giunta regionale del Coni. Ulteriore riconoscenza per la Calabria sportiva è scaturita dall’assegnazione alla giovanissima marciatrice reggina Alessia Costantino del premio “Nadia Torretti” riservato alla “Donna dell’Anno ASI”. Sempre nella medesima Assemblea, il Presidente Nazionale, Claudio Barbaro, ha proposto la nomina di Tino Scopelliti a Vice presidente nazionale dell’ASI per “Alti Meriti Sportivi”. “Un uomo – afferma  Barbaro – che ha dedicato, con professionalità, costanza, passione e dedizione, tutta la sua vita allo sport, prima come atleta, militando anche nelle giovanili della Reggina calcio e dopo come Dirigente sportivo. Uno sportivo che ha fatto tanto e sicuramente continuerà a fare per la sua amata terra. Fra i tanti meriti, mi piace sottolineare che è stato il promotore, della stesura della legge regionale sullo sport in Calabria. Adesso è candidato alla presidenza  regionale del Coni Calabria”. Una proposta, naturalmente, ratificata favorevolmente dalla successiva Giunta per acclamazione tra scroscianti applausi. “Vorrei fare una premessa – dice con grande gioia Tino Scopelliti, L’ASI per me è qualcosa di più di un semplice Ente, è una famiglia. Il senso di appartenenza, la comune passione per l’attività sportiva, il rispetto per i ruoli, la lealtà verso gli avversari ed il desiderio di contribuire ad una rivoluzione culturale dove lo sport fosse strumento per la ricostruzione del tessuto sociale, sono valori che ho sempre portato con me e che ci hanno uniti in tutti questi anni. Per questo, voglio esprimere la mia sincera gratitudine a Claudio Barbaro per aver scelto me. E’ una nomina che mi onora, mi gratifica e mi riempie di orgoglio. E’ stato un lungo percorso che ho iniziato come delegato provinciale e nel corso degli anni mi ha visto ricoprire tutti gli incarichi, commissario regionale, componente e successivamente vice-presidente del consiglio nazionale, membro di giunta nazionale ed oggi, vice-presidente nazionale. Un riconoscimento che arriva inaspettatamente proprio nel momento in cui probabilmente, per incompatibilità, dovrò lasciare il mondo ASI per ricoprire un incarico altrettanto prestigioso di presidente del Coni Calabria. Questo è un “rovescio amaro della medaglia”. Se verrò eletto la prima cosa che farò sarà chiamare a raccolta tutti i protagonisti sportivi, insieme ai responsabili delle organizzazioni appartenenti ai settori, che sono a diverso titolo correlati con il mondo dello sport per pianificare un progetto che veda il Coni Calabria e le Federazioni, come perno centrale del sistema sportivo supportato da tutti gli altri interlocutori. Il lavoro che mi attende sarà tutt’altro che facile, ma qualunque cosa accada, l’importante non è prevedere il futuro ma renderlo possibile”.

L’elezione a vicepresidente di Tino Scopelliti rappresenta un giusto riconoscimento ad uomo che nel corso degli anni si è sempre contraddistinto per dedizione, professionalità e forte spirito aggregativo ed organizzativo. Nell’esprimere tutto il nostro apprezzamento per il merito incarico, auguriamo sempre maggiori successi ad un inestimabile amico dello sport calabrese.