fbpx

Barcellona Pozzo di Gotto: sono due gli indagati per l’incidente che è costato la vita al giovane Iannello

Sono due i nomi che sono stati inseriti nel fascicolo aperto a seguito del sinistro, avvenuto martedì a Barcellona Pozzo di Gotto, località in provincia di Messina, tra la via Roma e la via Operai, che ha provocato la morte di Santino Giovanni Iannello, 35 anni. Il pm Francesco Massara ha aperto un’inchiesta per chiarire le cause dell’incidente, nel quale risultano indagati il conducente della Fiat Panda, D.M, 29 anni, nativo di Barcellona Pozzo di Gotto e residente a Terme Vigliatore e il conducente del mezzo pesante, M.V. 41 anni di Librizzi. La famiglia Iannello è rappresentata dall’avv. Diego Lanza. La Procura ha posto sotto sequestro anche i due mezzi coinvolti per eseguire tutti gli accertamenti del caso. Intanto è atteso per oggi l’esame del medico legale Francesca Trio, che dovrà chiare le cause del decesso. Dalla relazione del referto e dalle testimonianze fin qui raccolte la Procura di Barcellona Pozzo di Gotto cercherà di trarre l’esatta dinamica dell’accaduto. In serata è prevista la consegna della salma alla famiglia Iannello.