fbpx

Calabria: il Consiglio Regionale ha approvato il riordino degli enti sub-regionali

Il Consiglio regionale della Calabria ha approvato la riforma dell’Arssa deliberando a favore di una nuova agenzia per lo sviluppo dell’agricoltura. L’assemblea legislativa si e’ riunita per la riforma degli enti sub-regionali e alla fine ha trovato un accordo anche con la posizione della minoranza. Dopo l’intervento del governatore Giuseppe Scopelliti, il sottosegretario alle Riforme Alberto Sarra ha illustrato i dettagli tecnici dell’operazione che comprende ”la sostituzione, nei consigli di amministrazione e nei collegi di revisione, degli organi collegiali con organi monocratici, fatti salvi particolari vincoli imposti dagli statuti degli enti; l’obbligo di rispettare requisiti competenza e, soprattutto, di moralita’ nell’effettuazione delle nomine presso gli enti; il potenziamento del sistema dei controlli attraverso l’utilizzo dell’Organismo indipendente di valutazione previsto dalla legge regionale numero 3 del 2012”. Sarra ha riferito, inoltre, che ”il provvedimento individua 6 macro-aree che avranno come riferimento un unico soggetto giuridico nell’applicazione del principio cardine di sussidiarieta”’, e ha sottolineato che esso ”consentira’ il conseguimento di notevoli vantaggi non soltanto di carattere economico, quali quelli conseguenti alla riduzione del numero e dei compensi dei componenti dei consigli di amministrazione, alla riduzione dei costi degli organi sociali e di direzione generale, alla riduzione di consulenze e contratti di collaborazione, ma anche in termini di miglior rendimento delle strutture che saranno dirette da organi monocratici”. Il sottosegretario ha annunciato che si procedera’ alla soppressione di tutte le fondazioni quali Calabria Etica, Terina, Calabresi nel mondo, Field; i parchi marini confluiranno in un unico ente parco regionale; i consorzi di sviluppo industriale verranno accorpati; alcune societa’ in house verranno sciolte. I livelli occupazionali saranno salvaguardati