fbpx

Borsa & Finanza: Europa in rialzo, Ws ritraccia dopo Bernake

Nuova giornata di rialzi su tutti i listini europei che proseguono nella scia positiva della vigilia: per il secondo giorno consecutivo la piazza europea più brillante è ancora Piazza Affari (+1.15%) che con un balzo di oltre un punto percentuale raggiunge l’obiettivo minimo evidenziato nella scorsa giornate a 15775 punti superando altresì la chiusura di venerdì scorso del nostro future. Positiva anche Madrid che sale dello 0.80%, più contenute le performance per le altre borse europee, Londra (+0.35%), Francoforte (+0.33%), praticamente invariata Parigi che registra un +0.01% rispetto alla vigilia. Importante accordo siglato durante la notte all’Eurogruppo in merito alla supervisione bancaria che avrà inizio dal marzo 2014. Notizia che ha fatto proseguire la già positiva impostazione tecnica della moneta unica delle ultime sedute riportandola nei confronti del dollaro americano in prossimità di 1.31. Da sottolineare inoltre ancora la debolezza dello yen che continua a deprezzarsi rispetto al dollaro americano e all’euro definendo nuovi minimi di periodo proprio durante la notte. Torna a scendere anche il differenziale tra Btp e Bund che dopo lo spike di lunedì si riporta in area 330 bp.

Wall Street registra una seduta contrastata, dopo una partenza positiva ritraccia nella seconda parte di giornata dopo la conferenza stampa di Bernake il quale ha annunciato ciò che il mercato si attendeva e aveva già in precedenza scontato. L’operazione Twist in scadenza questo mese verrà “sostituita” da nuovi acquisti di titoli del Tesoro a media e lunga scadenza pari a 45 miliardi di dollari al mese a partire dal prossimo mese di gennaio che si andranno a sommare ai già 40 miliardi mensili di titolo garantiti da mutui che la Fed acquista dallo scorso settembre. Notizia che era già incorporata nei prezzi di mercati, generando uno storno che ha fatto terminare la seduta in leggero ribasso: Nasdaq (-0.28%), DJ (-0.02%), solo lo S&P500 riesce a chiudere in frazionale territorio positivo realizzando un +0.04%. Troppe ancora inoltre le incertezza sul Fiscal Cliff, anche Bernake ha sottolineato che qualora non si trovasse un accordo i mercati dal prossimo mese potrebbero essere duramente penalizzati.

Tornando a Piazza Affari ieri da sottolineare in primis l’ottimo esito dell’asta dei titoli di stato, Bot con scadenza a 12 mesi che ha fatto registrare un’ulteriore riduzione dei tassi di interesse all’1.45% con un ottimo bid to cover quasi doppio rispetto all’offerta. Tra i titoli azionari in verde, miglior titolo di giornata, Mediaset (+4.94%) che guadagna quasi cinque punti percentuali, prosegue il rialzo anche Impregilo (+3.17%), Mediolanum (+3.02%), Banco Popolare (+2.64%) e Bper (+2.59%). In rosso il titolo industriale Pirelli (-1.02%), solo frazionali perdite per Ferragamo (-0.30%), Saipem (-0.27%), Exor e Luxottica che cedono lo 0.16%.

Per la giornata odierna dal punto di vista macroeconomico da seguire con attenzione a Ws i dati in pubblicazione alle 14.30: si tratta delle vendite al dettaglio su base mensile, sussidi di disoccupazione rivisti in frazionale calo e indice dei prezzi alla produzione. In Europa non si segnalano dati macro di particolare rilievo, in mattina verrà diffuso il report mensile della Bce. Questa mattina alle ore 10.00 inizieranno i lavori dell’Ecofin relativamente a Grecia e Cipro.

Marco Dall’Ava

marco.dallava@xtb.it

XTB Italia

X- Trade Brokers Dom Maklerski non è responsabile di eventuali decisioni di investimento che vengono prese sotto l’influenza delle informazioni ricevuta tramite questa email. Nessuna delle informazioni presenti  può essere considerata come una raccomandazione, promessa o garanzia che l’investitore otterrà un profitto o minimizzare i rischi tramite l’utilizzo di informazioni presenti o come un invito ad investire su strumenti finanziari di cui non si ha una conoscenza appropriata.
Le transazioni in CFD sono ad alto rischio e possono causare perdite superiori l’investimento iniziale. Negoziare con le opzioni e contratti a termine richiede conoscenza degli strumenti finanziari e senso di responsabilità.