fbpx

Barcellona Pozzo di Gotto: la città è sempre più stretta nella morsa della microcriminalità

Barcellona Pozzo di Gotto, località in provincia di Messina, è sempre più stretta nella morsa della microcriminalità. Non passa giorno nel quale non si verificano atti di forte intimidazione, scippi, risse, furti di auto e moto, e finanche furto di carburante con il metodo di tagliare i tubi affiancati al serbatoio e far cadere il prezioso liquido da oltre due euro al litro in appositi secchi posizionati sotto le autovetture. Un pugno di  ferro in cui a soccombere sono le persone leali e oneste e la micro criminalità è un fenomeno con cui Barcellona Pozzo di Gotto è costretta quasi alla convivenza. Uno degli aspetti dilaganti di tale fenomeno, non si può non collegare alle ragioni della mancanza di lavoro. La disoccupazione e le scarse risorse economiche inducono spesso privati cittadini incensurati o ragazzini a commettere reati di microcriminalità. Cosa che, ovviamente, non si può giustificare nemmeno con la necessità. Una situazione che porta inevitabilmente alla diminuzione della qualità della vita e alla percezione di una sempre maggiore insicurezza. Giovani, che sono armati di coltellino, che hanno già una certa manualità anche con pistole che servono, forse, a limitare il campo d’azione degli altri, allargando il proprio. La gente ha paura, tante le lamentele dei cittadini arrivate alla redazione di StrettoWeb: “A Barcellona Pozzo di Gotto abbiamo bisogno di risposte certe – ci scrive Massima –giovane ragazza e mamma di due bimbi – sia dall’Amministrazione e sia dalle forze dell’ordine. Una città senza controlli, dove si uccide in pieno centro nell’omertà di tutti, dove alle 20 in giro non si vede più nessuno. Ognuno deve poter vivere la propria città senza paure e timori, cosa che a Barcellona Pozzo di Gotto è difficile fare. Speriamo che la sicurezza diventi una priorità assoluta per questa città”. A Barcellona Pozzo di Gotto, dunque, non servono più azioni “pubblicitarie”, ma servono azioni concrete e mirate per combattere il fenomeno e dare sicurezza ai cittadini.