Regione Sicilia: slitta insediamento Crocetta che teme per nomine in extremis di Lombardo

Non mi sono ancora insediato e fino a ieri il mio collega continuava a firmare, da Grammichele, determine e incarichi. Non so se lo abbia fatto ancora oggi. Assicura di no, anche nella risposta alla mia lettera. Speriamo. Ogni ora che passa tremo, perché dico quanti incarichi avrà fatto che poi io dovrò revocare?“. Lo afferma il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, riferendosi alla nomina fatta ieri, in extremis, da Raffaele Lombardo, del commissario della Provincia di Catania, indicando un proprio fedelissimo. Crocetta doveva insediarsi domani, ma problemi tecnici hanno spostato, probabilmente a venerdì, questo passaggio cruciale.

In Corte d’appello infatti la verifica dei voti procede a rilento poiché al personale dei tribunali non viene pagato lo straordinario e l’attività di controllo elettorale viene svolta durante il normale turno di lavoro. Ciò sta provocando un allungamento dei tempi. I ritardi riguardano anche i neo deputati eletti all’Assemblea regionale siciliana.