Reggio: protocollo d’intesa tra Regione, Società “Dante Alighieri” e Università per Stranieri

L’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri, nel commentare la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra Regione, Società “Dante Alighieri”, Università per Stranieri e Comitato “Dante Alighieri” di Reggio, nell’Aula Magna “Reale” dell’Università per Stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria, ha sottolineato che “attraverso la possibilità di certificare le competenze degli studenti stranieri che intendono studiare in Italia da parte dell’Università per Stranieri di Reggio, viene ribadita l’attenzione del Presidente Scopelliti verso il Mediterraneo e la promozione della lingua e quindi della lettura”. All’iniziativa hanno preso parte il Rettore dell’Università per Stranieri Salvatore Berlingo’, per la Societa’ “Dante Alighieri” Fabrizio di Giura, il Presidente del Comitato “Dante Alighieri” di Reggio Calabria Giuseppe Bova e il Direttore Generale dell’Assessorato alla Cultura Massimiliano Ferrara. Caligiuri ha evidenziato come “potrà essere estremamente significativa la costituzione di un Polo linguistico di eccellenza, con il supporto decisivo della Società “Dante Alighieri”, poiché pone in evidenza l’importanza della lingua e quindi della lettura. Fin dall’inizio, la Giunta Regionale ha dedicato un’attenzione particolare per la promozione della lettura, con la predisposizione del “Libro Verde sulla lettura in Calabria”, la creazione del Polo Regionale delle Politiche Pubbliche sulla Lettura, il finanziamento di decine di progetti sperimentali, compreso quello di “Nati per leggere”, che ha coinvolto i reparti di pediatria degli ospedali calabresi. Inoltre, potrà essere una straordinaria opportunità aumentare il numero dei lettori la circostanza che nel 2013 la Calabria sara’ la “regione ospite d’onore” del Salone del Libro di Torino, cosi’ come sta partendo l’iniziativa per fare nascere i 17 mila neonati che ogni anno vedono la luce in Calabria con un libro in mano. Tutto questo per affrontare in modo organico ed efficace l’emergenza sociale nazionale legata alla lettura, poiché, secondo Tullio De Mauro, il 70 per cento degli italiani ha problemi notevoli nella comprensione dei testi e delle parole, determinando ricadute negative sullo sviluppo economico e la consapevolezza democratica”.