Messina: la Corte d’Appello riduce tre condanne per pedofilia e prostituzione minorile

La Corte d’Appello di Messina ha ridotto le condanne inflitte agli imputati del processo “Seppia” su un su giro di pedofilia e prostituzione minorile portato alla luce nel 2009 da un’indagine della squadra mobile. In tre dovevano rispondere, a vario titolo, di induzione alla prostituzione minorile ed atti sessuali con minori.

Ridotta la pena per Marcantonio Russo condannato a 7 anni e 2 mesi, Giuseppe Oliva e Claudio Cisco, entrambi condannati a 2 anni e 2 mesi. Una conferma e riduzione a 6 mesi per altri due imputati accusati di atti osceni in luogo pubblico. Il processo di primo grado si era concluso il 14 febbraio 2011 con la condanna a 10 anni e 4 mesi per Russo ed a 3 anni ed 8 mesi per Oliva e Cisco.