Messina, alluvione Giampilieri: ammesse quasi tutte le parti civili nell’udienza preliminare. Diciotto sono gli indagati

Il gup di Messina, Salvatore Mastroieni, ha ammesso quasi tutte le parti civili nell’udienza preliminare relativa all’alluvione che devastò Giampilieri e Scaletta Zanclea nell’ottobre 2009, provocando 37 vittime e numerosi feriti. Esclusi una ventina di nomi.
Tra le parti offese figurano i parenti delle vittime del disastro, le persone che rimasero ferite e anche associazione ambientaliste.
18 sono gli indagati compresi ex amministratori locali, ex amministratori, geologi, progettisti e tecnici. Le accuse che gli sono contestate a vario titolo sono omicidio colposo, disastro colposo e lesioni colpose. Si torna in aula il 9 gennaio.