Asp Catanzaro, il Primario di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale di Lamezia Terme: “notizie false sulla mia persona”

Con riferimento agli articoli pubblicati sulla stampa, che riportano notizie false sulla mia persona, lesive della mia immagine e del mio operato al servizio dei cittadini e nel rispetto delle istituzioni e delle leggi, chiedo venga pubblicata, per completezza di informazione, la seguente smentita:

Quando è stato aperto il nuovo ospedale di Lamezia Terme (anno 2000), il primario di Anestesia e Rianimazione D.ssa A.M. Mancini, ha già trovato espletata, da parte dell’Amministrazione la gara di acquisto dei 5 respiratori Kontron ABT5300 forniti dalla ditta “Cesas Consorzio” di Lissone (MI) che si era aggiudicato l’appalto di tutte le forniture riguardante il nuovo blocco operatorio (tra cui i respiratori) con la procedura “chiavi in mano” e non a “scatola chiusa” come erroneamente detto dai conversanti.

La d.ssa Mancini non ha avuto alcuna parte riguardo all’aggiudicazione dei suddetti apparecchi.

I respiratori Kontron non erano dotati ovviamente del pulsante dell’emergenza della CO2 perché nessun respiratore in commercio ne è dotato, non essendo assolutamente previsto.

Quanto alla presenza della CO2 in concentrazione elevata nelle sale operatorie, ciò non è assolutamente vero; infatti essendo i Kontron respiratori a circuito aperto non potevano generare aumento di CO2.

Si fa presente che detti respiratori Kontron non sono mai stati sostituiti, ma sono rimasti in funzione nelle sale operatorie per diversi anni, la loro rottamazione è stata richiesta dalla d.ssa Mancini molti anni dopo, il 7 dicembre 2010.

Il 13 agosto 2002 con lettera prot. 167 l’Amministrazione, avendo dei fondi finalizzati all’acquisto di nuove attrezzature, ha chiesto a tutti i Primari dell’Ospedale l’elenco delle attrezzature da acquistare.

La d.ssa Mancini rispondeva alla suddetta richiedendo n. 5 respiratori e specificandone le caratteristiche necessarie con lettera del 21 novembre 2002. Probabilmente è a questa nota che si riferivano i conversanti nella intercettazione del 22 gennaio 2003.

Il suddetto capitolato, contrariamente a quanto essi desideravano non è mai stato cambiato; i Kontron non sono mai stati sostituiti, ma sono stati utilizzati regolarmente nelle sale operatorie e rottamati nel dicembre 2010.

Dall’apertura del nuovo ospedale (anno 2000), non sono stati acquistati altri nuovi respiratori per le sale operatorie ma sono stati effettuati periodicamente, sugli apparecchi respiratori esistenti, vari aggiornamenti tecnologici.

Un solo apparecchio ventilatorio, Felix Taema  è stato acquistato su specifica richiesta del nuovo primario chirurgo dell’epoca che aveva in programma di aprire quattro posti letto di terapia intensiva post-chirurgica. Il suddetto apparecchio è ora in dotazione al blocco operatorio.

Riservo ogni altra azione a tutela della mia onorabilità, dignità e professionalità. D.ssa Anna Maria Mancini