fbpx

Reggio, le parole del sindaco Arena agli studenti che hanno manifestato: “siate protagonisti della nostra città”

Siate protagonisti del presente e non solo del futuro di questa città”. Lo ha affermato il Sindaco di Reggio Calabria, Demetrio Arena, nel corso dell’incontro avuto a Palazzo San Giorgio con una rappresentanza degli studenti che questa mattina ha voluto manifestare contro il possibile scioglimento del Comune. “E’ importante che dibattiate di questi temi, perché è fondamentale sviluppare una coscienza civica nelle nuove generazioni. Dovete continuare ad avere piena fiducia nelle Istituzioni che rappresentano la vostra guida e la vostra speranza. Non condivido l’atteggiamento disfattista e distaccato di alcuni giovani che non credono più alla politica, non credono a nulla: questo è un atteggiamento perdente”.

Il Sindaco, nel corso del suo intervento, ha poi voluto ricordare la Reggio della sua età giovanile confrontandola con l’attuale: “una città con scarsi stimoli culturali che non invitava alla permanenza e all’impegno per una crescita che sembrava impossibile”.

Certamente la realtà odierna è profondamente diversa: oggi Reggio è una città allineata culturalmente, tecnologicamente, socialmente con il resto d’Italia; chi viene qui si sofferma sulle sue bellezze e sulla vivacità intellettuale dei suoi abitanti. Oggi voi avete la possibilità di vivere in una città che vi offre tanto, che vi garantisce spazi di aggregazione e di confronto, momenti di dibattito e di forte attività culturale: una città viva e molto diversa da quella che si vuole fare apparire”.

Sulle polemiche sorte alla vigilia del sit- in, il Sindaco si è dichiarato “disponibile a incontrare gli studenti direttamente negli istituti scolastici, ove lo richiedessero, per potersi confrontare sull’attualità cittadina evitando così strumentalizzazioni di sorta e l’aprirsi di una conflittualità ideologica che in realtà non serve a nessuno”.

Proprio questa conflittualità e “questa tendenza alla disgregazione – ha aggiunto Arenasta alla base di una debolezza pericolosa, non per la classe politica ma per il tessuto sociale della città. Una comunità divisa non trova spazi per la crescita collettiva ma tende solamente a ricercare il male del vicino. E’ proprio contro questo tipo di cultura, evidentemente sempre latente in alcuni settori della nostra cittadinanza, che mi sono speso fin da quando ho iniziato il mio percorso politico, continuo a spendermi adesso e continuerò in futuro”.

Alle domande degli studenti circa il rischio di scioglimento del Comune e sugli effetti che questa decisione avrebbe sulla città, il Sindaco ha risposto che:  “non possiamo più aspettare di conoscere quale sia la decisione, mi auguro che oggi si decida il futuro di Reggio, o in un modo o nell’altro”.