fbpx

In Sicilia Grillo attacca Renzi e il Pd: “non si può essere insieme sindaco e candidato per il partito, da noi non succede”

D’Alema e Veltroni non danno le dimissioni, ma stanno scappando e si tengono il vitalizio”. Lo ha affermato Beppe Grillo in un comizio alla stazione ferroviaria di Vizzini, nel Catanese, a sostegno del Movimento 5 Stelle per le regionali in Sicilia. ”Ma noi abbiamo diritto a un dibattito pubblico – ha aggiunto il leader del M5S – e una verifica fiscale per tutti i politici: da quando sono entrati fino a quando vanno via”. Per Grillo nella ”sinistra c’e’ anche un giovane-vecchio: il sindaco di Firenze”. ”Se il Pd – ha osservato – avesse fatto come il M5S non si sarebbe potuto candidare perche’ e’ gia’ al terzo mandato e i nostri candidati si fermano a due, e non prenderebbe i soldi dal partito. Non si puo’ essere sindaco e candidato segretario insieme – ha concluso Grillo – sei stato eletto sindaco, allora fai il sindaco o ti dimetti”.

I giornali nazionali ci dicono che siamo la seconda forza politica del Paese. In Sicilia siamo la prima forza politica ed ecco perche’ nessuno parla di noi in questi giorni“, ha concluso il leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo dalla piazza di Scordia, nel catanese, in occasione di una manifestazione a sostegno del candidato alla presidenza della Regione Siciliana del M5S, Giancarlo Cancelleri.