Usa: Lance Armstrong è accusato di aver vinto i 7 Tour de France con l’aiuto del doping

L’agenzia Usa anti-doping (Usada) ha esso formalmente sotto accusa Lance Armstrong, il ciclista vincitore di sette Tour de France sospettato di aver fatto uso di sostanze dopanti dal 1996 in poi. La decisione prelude a un arbitrato in cui il campione texano potra’ tentare di provare quell’innocenza che ha sempre continuato a professare, ma significa anche l’avvio di un procedimento che potrebbe portare alla revoca di tutti i titoli conquistati. L’Usada ha fatto sapere in una nota del direttore Travis Tygart che i tre giudici del suo board hanno raccomandato all’unanimita’ che si proceda con l’inchiesta. La notifica delle accuse era stata recapitata ad Armstrong il 12 giugno ad Austin, in Texas, dove l’ex campione vive. Nelle 15 pagine si legge che alcuni dei campioni di sangue prelevati al ciclista nel 2009 e nel 2010 sono “perfettamente compatibili con manipolazioni sanguigne, incluso l’uso di Epo o di trasfusioni”. L’agenzia anti-doping Usa e’ convinta che “numerosi corridori testimonieranno in base alla loro conoscenza personale, acquisita guardando Armstrong mentre si dopava” o tramite “ammissioni” dell’ex ciclista. Il ciclista, ritiratosi nel 2011, dovra’ ora rinunciare anche alle gare di triathlon a cui si dedicava attualmente fino a quando non si sara’ completato il giudizio. A febbraio il Dipartimento di Giustizia Usa aveva archiviato un’inchiesta per doping su Armstrong e i suoi compagni di squadra per frode contro la loro squadra, scagionandoli sul piano penale.