Unime: entra nella fase operativa il progetto di collaborazione con la Costa d’Avorio

Si è svolto stamane nella Sala Senato dell’Ateneo peloritano un incontro tra il Presidente del CARECI( Centro Attrazione Risorse Esterne e Creazione d’Impresa), prof. Michele Limosani , in rappresentanza del Rettore  prof. Francesco Tomasello e una delegazione della Costa d’Avorio, guidata dal Governatore ivoriano Mangone Bi Tivoli.

All’incontro era presente, il dott. Carmelo Navarra, ex Sindaco di Mazzarà Sant’Andrea, che da tempo intrattiene  rapporti istituzionali tra la Costa d’Avorio e la Regione Sicilia.

Con questa riunione che segue ad altre avvenute nei mesi scorsi, l’Università di Messina entra nella fase operativa del progetto di collaborazione scientifica e culturale  che sarà formalizzato in Costa d’Avorio  nel prossimo mese di luglio e che prevede anche la costituzione di un polo oncologico in Costa d’Avorio con la formazione di medici e personale ausiliario per lo sviluppo di attività di ricerca e trasferimento tecnologico.

Il progetto di collaborazione scientifica si attuerà anche nel settore  agroalimentare, infatti il prof. Limosani ha fatto presente che l’Ateneo peloritano ha avuto un finanziamento importante da parte del Miur per la creazione di un centro agroalimentare che si occuperà di formazione e ricerca, ed è quindi uno dei settori sui quali l’Università di Messina si è proposta di puntare anche per la stipula di accordi internazionali .

Durante la riunione si è stabilito di istituire un gruppo di lavoro che si occuperà di fissare gli step necessari affinchè il progetto possa partire in tempi brevi.

Il Governatore della Costa d’Avorio , dopo aver rivolto parole di ringraziamento , ha invitato il Rettore a Roma, dove il progetto di accordo sarà presentato ufficialmente presso l’ Ambasciata della Costa d’Avorio.