Splendido weekend sul fronte carburanti: l’Eni propone un ribasso vertiginoso. E’ aperta la sfida tra le compagnie

Se oggi si può parlare di calma piatta sui prezzi dei carburanti è solo per prepararsi meglio al weekend che si preannuncia davvero sorprendente: ad attirare l’attenzione è l’iniziativa dell’Eni, che fissa, dalle 13.00 di domani, sabato, alle 24.00 di domenica, i prezzi di benzina e diesel per chi fara’ rifornimento in modalita’ Iperself (circa 3.000 p.v.)  rispettivamente in 1,600 e 1,500 euro/litro (prezzi massimi praticati ai quali il gestore puo’ applicare ulteriori sconti e che saranno rivisti ogni fine settimana in base alle quotazioni Platts). E’, senza ombra di dubbio, una proposta alla quale le altre compagnie non potranno restare indifferenti, e in conseguenza della quale, molto presto, elaboreranno la propria mossa. L’iniziativa sbalorditiva, specialmente se rapportata ai numeri scoraggianti degli ultimi mesi, è stata ufficializzata ieri dall’Eni. Soddisfazione è stata espressa dall’amministratore delegato del “cane a sei zampe“, Paolo Scaroni, il quale ha dichiarato: “Non so di molte polemiche. Sono stato più attento ai complimenti ricevuti da tanti“. A margine poi della cerimonia al Quirinale, per la consegna dei premi ‘Eni award 2012‘, Scaroni ha raccontato di aver ricevuto complimenti direttamente mentre era in aeroporto. “Questo mi ha fatto molto piacere“, ha aggiunto. E a chi gli ha ricordato che anche il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, ha espresso un giudizio positivo, nonostante le critiche delle altre compagnie petrolifere, l’ad dell’Eni ha risposto: “Sono molto contento“. Ma vediamo i numeri nel dettaglio.
La riduzione di prezzo lanciata dall’Eni corrisponde indicativamente a uno sconto di circa 20 cent al litro rispetto al prezzo praticato in modalita’ servito (lo sconto per litro sara’ pari a circa due volte quello massimo finora praticato dalle no-logo e dalla Gdo). Secondo il quadro fornito da quotidianoenergia.it, i prezzi medi nazionali restano a 1,823 euro/litro per la benzina, 1,710 per il diesel e 0,812 per il Gpl, con punte massime per la benzina a 1,900 euro/litro, diesel 1,745 e Gpl 0,839. Andando ancora più nel dettaglio, a livello Paese, il prezzo medio praticato della benzina (in modalita’ servito) va dall’1,816 euro/litro di Eni all’1,823 di Tamoil (no-logo ferme a 1,709). Per il diesel si passa dall’1,705 euro/litro ancora di Eni all’1,710 sempre di Tamoil (no-logo a 1,580). Il Gpl infine e’ tra 0,782 euro/litro di Eni e 0,812 di IP e Tamoil (no-logo a 0,772). Secondo quanto rilevato da Staffetta Quotidiana, poco mossi risultano i prezzi internazionali dei prodotti raffinati: ieri la benzina ha chiuso a 550 euro per mille litri (+4) mentre il gasolio e’ sceso a 584 euro per mille litri (-3).Ora, in questa fase di attesa, che precede il fine settimana caratterizzato dai maxisconti, i prezzi registrati stamani sono risultati invariati: le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalita’ servito restano a 1,808 euro/litro per la benzina, a 1,701 euro/litro per il diesel e a 0,789 euro/litro per il Gpl. Lieve calo per il metano a 0,970 euro/kg (-0,1 centesimi). Dunque, domani partirà questa nuova iniziativa di sconti Eni, che vedrà la benzina a 1,6 euro/litro e il gasolio a 1,5 euro/litro, nei circa 3.000 punti vendita della rete Eni che aderiscono all’iniziativa Iperself. Resta solo da vedere chi, tra le altre compagnie, risponderà per prima a questa speciale sfida. Al momento, un annuncio è trapelato da Q8 e non si esclude che il prossimo possa essere quello di Esso. “Sebbene appaia incomprensibile -sottolinea Q8- che l’Eni abbia lanciato una campagna promozionale sottocosto con gravi perdite nella Divisione Refining & Marketing che si andranno ad aggiungere a quelle spaventose accumulate negli ultimi anni che hanno provocato chiusure temporanee di raffinerie, con conseguente cassa integrazione per i relativi addetti, la Kupit, a difesa dei propri investimenti in Italia, ha deciso di effettuare sulla sua rete Q8 Easy uno sconto persino superiore per entita’ e durata nei week end“. “Inoltre la Societa’ – aggiunge – ha programmato di effettuare un’importante campagna di sconti anche su parte del resto della rete“. Gli impianti “easy”, sono quelli completamente automatizzati, come si legge sul sito internet della Kupit.
Un plauso all’Eni arriva, tramite nota congiunta, dai presidenti di Federconsumatori, Rosario Trefiletti e dell’Adusbef, Elio Lannutti: ”L’unico interesse dei consumatori e’ la riduzione del prezzo insopportabile dei carburanti. Questo e’ l’elemento piu’ importante che bisogna tenere a mente nel dibattito intorno alla campagna di sconto avviata dall’Eni. Noi ribadiamo la nostra approvazione a questa iniziativa che permettera’ ai cittadini di risparmiare 20 centesimi nel weekend nella modalita’ iperself’‘. ”E’ un piccolo passo avanti – sottolineano -, che dovra’ necessariamente essere seguito da un riadeguamento al ribasso da parte di tutti gli altri operatori e anche dalla stessa Eni al di fuori di questo circuito di vendita. Il margine per una diminuzione dei prezzi esiste, e questa operazione lo dimostra. Ora – concludono – ci aspettiamo un aumento della competitivita’ e delle promozioni da parte di tutti i distributori”.