Sicilia, via libera a due disegni di legge su precari e fondi a favore dei teatri

La V commissione dell’Assemblea regionale siciliana, presieduta da Toto’ Lentini (Udc), ha dato il via libera a due disegni di legge. Per quanto riguarda il primo provvedimento, si tratta di un ddl-voto (da sottoporre al parlamento nazionale), che reca interventi urgenti sulla problematica del precariato.
Tra i provvedimenti compresi nel testo, ampiamente condiviso dalla Commissione, vi è anche la proroga al 31 dicembre 2014 della possibilita’ per gli Enti locali di garantire la continuita’ occupazionale per i soggetti provenienti dal ‘regime transitorio’ dei lavoratori socialmente utili, utilizzando le risorse del Fondo unico per il precariato. Sono previsti, inoltre, ulteriori interventi sulla vigente legislazione volti a rimuovere gli ostacoli al processo di stabilizzazione. Il secondo provvedimento, invece, contiene interventi finanziari in favore degli enti teatrali (‘Massimo’ e ‘Biondo’ di Palermo, ‘Bellini’ e ‘Stabile’ di Catania, Teatro di Messina ed Orchestra Sinfonica Siciliana),volti a ripristinare la dotazione di risorse, nella misura gia’ prevista nell’anno precedente, superando i tagli previsti dall’ultima manovra finanziaria.Ora i due provvedimenti verranno sottoposti all’attenzione dell’Aula, per essere discussi nei prossimi giorni. “Auspico che l’Aula proceda rapidamente e con ampia condivisione ad approvare i provvedimenti – dice Lentini -. Mi auguro altresi’ che le Camere vogliano calendarizzare il ddl-voto, garantendo continuita’ ad un percorso virtuoso finalizzato al superamento della piaga storica del precariato nella Pubblica amministrazione“.