Reggio: lavoro encomiabile per accogliere gli immigrati sbarcati al porto

Encomiabile l’impegno delle associazioni cittadine che questa notte, coordinati dall’arch. Giuliana Carmagnola della Protezione civile, hanno predisposto, presso la struttura dello “Scatolone”, il centro d’accoglienza per i 53 immigrati di varie nazionalità soccorsi da una motovedetta della Capitaneria di Porto e accompagnati a Reggio Calabria. Le associazioni Endas, I Lupi, Rangers del Mediterraneo, Istituti per la Famiglia, Le Aquile, Anpana, sin dal pomeriggio di mercoledì hanno allestito l’accoglienza presso l’impianto di via Stadio a Monte, in attesa dell’arrivo dei 53 immigrati. Sono stati predisposti i lettini e forniti cibo e acqua, con particolare attenzione alle donne e ai bambini presenti. La positiva sinergia con tutte le Forze dell’Ordine impegnate e con la Croce Rossa Italiana, ha contribuito all’ottimo apporto fornito agli immigrati dalla Protezione civile cittadina  e alle numerose associazioni che si sono impegnate all’insegna dei valori della solidarietà e dalla vicinanza.