Politica, Scopelliti: “dopo la catastrofe il 75% dei parlamentari vada a casa”

Abbiamo azzerato un partito che era al 40%. Un crollo clamoroso. Una catastrofe. E non sono sorpreso. Ci siamo meritati questa punizione”, del resto “il Pdl parla sempre con le stesse facce“. Il governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti in una intervista ad ‘Avvenire’ invita i volti noti del suo partito a fare un passo indietro. Insomma Scopelliti confessa: “Manderei via il 75% dei parlamentari”, riconfermerebbe “non più della metà dei consiglieri regionali azzurri” e nell’operazione pulizia coinvolgerebbe “anche i tre coordinatori nazionali” del partito. “Non voglio aprire una caccia alle streghe ma voglio bene al mio Pdl – ragiona -. E allora questo è il momento delle scelte: tanti hanno avuto più di quello che meritavano. E allora sono chiamati a dimostrare generosità e a fare un passo indietro. Possono farlo spontaneamente o può essere il segretario a pretenderlo“. Un esempio su tutti: “Nicole Minetti non l’avrei mai candidata . E come lei tanti, troppi, indegni di stare in un partito come vorrei fosse il Pdl“.