Palermo: il Gps antifurto satellitare su un’auto rubata “tradisce” 3 ladri

Il Gps satellitare antifurto sistemato su un’automobile rubata ha ‘tradito’ i tre ladri che sono stati individuati proprio grazie alle coordinate fornite via satellite dall’antifurto. E’ accaduto nel palermitano dove i carabinieri hanno arrestato tre persone: Francesco Di Franco, 47 anni; Giovanni Cataldo di 48 anni e Ciro Radicelli di 23 anni. Erano da poco passate le 10 quando l’antifurto satellitare di un veicolo rubato a Palermo ne ha segnalato la presenza nelle campagne della frazione di Monreale. Ai militari e’ bastato richiedere alla societa’ del satellitare le coordinate del luogo in cui veniva indicato il mezzo depredato per individuarne l’esatta ubicazione. Giunti sul posto i carabinieri hanno accertato che si trattava dell’abitazione di uno dei tre ladri, Di Franco, pluripregiudicato, e sono entrati immediatamente sorprendendo i tre arrestati mentre smontavano l’autoveicolo rubato prima per ostacolare l’identificazione della provenienza illecita, infatti erano gia’ sparite le targhe ed i documenti che potessero far risalire ai legittimi proprietari. Continuata la perquisizione locale nel garage e’ stato rinvenuto anche un escavatore marca Cat con il telaio palesemente contraffatto, di cui nessuno dei presenti ha saputo fornire informazioni sulla provenienza. Sono in atto ulteriori indagini. Di Franco, inoltre, e’ stato segnalato all’autorita’ prefettizia per uso personale di sostanza stupefacente perche’ in camera da letto nascondeva 6 grammi di hashish. I tre in sede di rito direttissimo si sono visti convalidare l’arresto ed applicare la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.