Mazara del Vallo: “Slow Sea Land”, le migliori produzioni agro-ittiche alimentari del bacino mediterraneo

Il centro storico di Mazara del Vallo, dall’8 al 10 giugno, ospiterà “Slow Sea Land”. Un evento promosso da Regione siciliana, Slow Food Italia, Distretto Produttivo della Pesca, Ice e Comune di Mazara del Vallo, che si svilupperà in dodici piazze all’interno della casbah mazarese. Centinaia di espositori, alcuni dei quali provenienti da Paesi dell’Africa mediterranea, sub-sahariana e del Golfo esporranno le migliori produzioni agro-ittiche alimentari del bacino mediterraneo.
L’antico centro storico della cittadina marinara, si trasformerà, alle 17 di ognuna delle tre giornate, in una grande esposizione alimentare, con l’ape nera sicula e il cappero di Salina, la cuddriredda di Delia e la manna delle Madonie, il limone interdonato e il sale marino integrale artigianale di Trapani; tra i formaggi la provola dei Nebrodi e la vastedda del Belice, accompagnati dal pane nero di Castelvetrano e dai salumi di suino nero dei Nebrodi.
E poi ancora pasticceria, gastronomia e tavola calda con le tre Cucine di strada. La degustazione verrà concepita come vero e proprio momento di conoscenza. Sono sei gli appuntamenti per scoprire la biodiversità siciliana.In occasione di Slow Sea Land si terranno: il Forum della Pesca per il Mediterraneo, a cui parteciperanno anche i rappresentanti di Egitto, Libia, Malta, Tunisia, Turchia; la riunione della commissione Politiche agricole della Conferenza delle Regioni e Province autonome; la sessione del progetto scientifico Fao Med Sud Med, che vede coinvolti Italia, Libia, Malta e Tunisia. Mazara ospitera’ anche il consiglio internazionale di Slow Food, con una cinquantina di rappresentanti provenienti da 14 Paesi e un seminario promosso dalla fondazione per la “Dieta del Mediterraneo”.