Gang calabrese si ispira a banda della Magliana:18 arresti a Vibo

Una ‘gang band’ che si ispirava alla famosa banda della Magliana di Roma. Diciotto persone, tra cui anche 4 minorenni, sono finite in manette perché devono rispondere di furti, rapine, e altri reati. A stringere il cerchio sono stati gli uomini della squadra mobile di Vibo Valentia. L’operazione “Golden fever”, condotta dalla squadra mobile di Vibo Valentia, ha svelato i retroscena e i collegamenti che si celavano dietro diversi episodi che si erano registrati negli ultimi tempi nella città nipitina. E’ stato lo stesso metodo, sempre uguale, attuato dalla banda a permettere di collegare gli episodi, fino ad unire 37 furti ai danni di altrettante abitazioni. Un’organizzazione nata al di fuori degli ambienti della criminalita’ organizzata, – fanno notare gli investigatori – al punto che quest’ultima aveva deciso di capire chi si nascondeva dietro a queste azioni criminali. Complessivamente, la banda e’ riuscita a portare via oggetti in oro e orologi preziosi, poi venduti presso le rivendite di oro usato, con un guadagno di oltre 50.000 euro, somma “spartita” fra i componenti della banda che a rotazione ed a seconda delle “esigenze” operava in numero tre o quattro per ogni furto. Molti dei guadagni, finivano poi per essere utilizzati per l’acquisto di partite di droga. In alcune delle rivendite di oro sono stati recuperati monili in oro provento dei furti, per un valore di circa 2.000 euro oltre ad altra refurtiva emersa in occasione di una perquisizione effettuata lo scorso mese di aprile nei confronti di un indagato che deteneva illecitamente anche 47 cartucce inesplose calibro 9×21 e 7,65 ed un passamontagna.