Euro 2012: finisce 1-1 Polonia-Grecia

Nella prima partita dell’Europeo, i padroni di casa della Polonia non sono riusciti a battere la Grecia. Il primo gol della manifestazione lo ha firmato Robert Lewandowski, attaccante del Borussia Dortmund, tra i favoriti per vincere il titolo di capocannoniere del torneo. La Polonia, nel primo tempo, sembrava decisamente più forte degli avversari, che inoltre sono stati costretti a giocare in 10 uomini dal 44’ a causa dell’espulsione, eccessiva, di Papastathopoulos, vecchia conoscenza del calcio italiano per aver vestito le maglie di Genoa e Milan. Particolarmente efficiente è apparso per i polacchi Jakub B?aszczykowski, centrocampista, anche lui in forza al Borussia Dortmund campione di Germania. Nonostante l’inferiorità numerica i Campioni d’Europa 2004 sono entrati in campo nella ripresa letteralmente trasformati, grazie all’ingresso di Salpingidis. Il nuovo entrato ha prima segnato il gol del pareggio e poi si è guadagnato un calcio di rigore, provocando l’espulsione del portiere Szcsesny. L’ex interista Karagounis si è fatto però parare il tiro dal portiere Tyton. Lo scatenato Salpingidis, pochi minuti dopo l’errore di Karagounis, aveva ancora segnato, ma l’arbitro ha annullato la rete per un millimetrico fuorigioco. Insomma, come inizio non c’è male. Una partita sicuramente non adatta per i deboli di cuore.