Elezioni Grecia: vince la destra di Samaras e il Paese resterà nell’Euro

Confermata la vittoria per i conservatori di Nea Dimokratia alle elezioni greche. Col 75% dei seggi scrutinati, il partito di Antonis Samaras raggiunge il 30,8% dei consensi contro il 24,6 della sinistra radicale di Syriza. Terzo partito e’ il socialista Pasok, con il 13,1%, permettendo cosi’ alle forze filo-europee di avere i numeri per una maggioranza assoluta in parlamento. Quarti gli indipendentisti, intorno al 7%, mentre i neonazisti di Alba Dorata e i comunisti ottengono rispettivamente il 6,5 e il 6,3%. La sinistra democratica (Dimar) e’ data al 5,6%.
“Oggi i Greci hanno espresso la loro volonta’ di restare ancorati all’Euro” ha detto Antonis Samaras, il leader di Nea Dimokratia vincitore delle elezioni greche. Samaras ha dichiarato che saranno rispettati gli impegni europei e ha invitato gli altri partiti a formare una coalizione filo-europea. Nea Dimokratia ha intenzione di formare “in prima possibile” un governo. Lo ha affermato alla Reuters il leader del partito Antonis Samaras dopo che le prime proiezioni hanno confermato la vittoria del partito gia’ emersa dai sondaggi. “Sono sollevato – ha detto Samaras – per la Grecia e per l’Europa. Appena possibile formare un governo”. Alexis Tsipras, il leader del partito di sinistra Syriza, ha telefonato poco fa al leader di Nea Dimokratia Antonias Samaras per congratularsi con lui per la vittoria del suo partito. Lo ha riferito la Tv privata Mega secondo cui Tsipras ha detto a Samaras che adesso “la Grecia ha urgentemente bisogno di un governo”.