Elezioni Grecia: nessuno ha la maggioranza, si dovrà tornare alle urne!

In Grecia sembra profilarsi il peggior scenario possibile: con tutta probabilità sarà necessario avviare nuove consultazioni per arrivare alla formazione di un governo di coalizione, dato che il voto di oggi non ha dato un esito chiaro e si profila uno scenario completamente bloccato come quello del 6 maggio scorso. Gli exit poll registrano un testa a testa fra Nuova Democrazia e Syriza, entrambi con percentuale tra il 27 e il 30%, il vantaggio del partito di centrodestra sarebbe di appena uno 0,5%. Secondo altre stime diffuse dalla televisione privata Skai, la coalizione della sinistra radicale Syriza sarebbe in testa con il 31% dei voti, contro il 30% per Nuova Democrazia. Le prossime proiezioni sono previste verso le 20. Il partito neonazista Alba Dorata ha confermato il suo radicamento fra gli elettori greci. Secondo gli exit poll Alba Dorata ha ottenuto una percentuale tra il 6 e il 7,5%, assicurandosi una presenza nel futuro parlamento di Atene. Alle elezioni del 6 maggio il partito, che ha conquistato molti consensi con la sua campagna anti-immigrati in un paese particolarmente afflitto dalla disoccupazione, aveva ottenuto il 6,97%. La soglia di sbarramento in Grecia è del 3%