Dissesto idrogeologico: per il messinese in arrivo 5 milioni di euro

Saranno stanziati ben 5 milioni di euro per alcuni interventi in zone ad alto rischio idrogeologico della costa tirrenica della provincia di Messina. Lo ha stabilito l’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente, sulla base della linea di intervento del FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale) 2007-2013. In particolare il finanziamento sarà così ripartito: tre milioni e 707 mila euro per il risanamento del lungomare di Marchesana, nel comune di Terme Vigliatore; un milione e 114 mila euro andranno invece ai lavori di prosecuzione della barriera a mare e agli interventi di rinascimento nella zona di Castel di Tusa, nel territorio del comune di Tusa. Dovrebbero essere questi due solo i primi approvati, di diverse proposte di progetto presentate dai vari comuni, come afferma l’Assessore regionale Alessandro Aricò: ”Il servizio Difesa del suolo del dipartimento Ambiente sta accelerando le procedure di finanziamento, sulla base dei progetti presentati dai comuni e dal commissario delegato, per esitare gli interventi urgenti e prioritari nelle zone a maggior rischio”. I provvedimenti saranno gestiti dal Commissario straordinario delegato per l’Accordo di programma per interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico, stipulato tra il ministero dell’Ambiente e l’assessorato regionale al Territorio il 30 marzo 2010.