Catania, campionati italiani assoluti di ginnastica artistica: una strepitosa Ferlito si conferma campionessa alla trave

Si concludono con un grande successo di pubblico e di risultati i campionati italiani assoluti di ginnastica artistica e trampolino. La due giorni etnea, organizzata dalla Fgi-Comitato regionale Sicilia e dalla Polisportiva Trinacria di Spadafora (ME) con il patrocinio del Comune di Catania, ha saggiato la condizione dei big azzurri in partenza per le Olimpiadi di Londra. Dopo il concorso generale di ieri, oggi sono stati assegnati i titoli di specialità dell’artistica e si sono tenute le fasi finali del trampolino. Nel dettaglio i risultati

Corpo libero maschile: Dopo il terzo posto di ieri, si è laureato campione Andrea Cingolani. Il marchigiano della Ginnastica Virtus ha ottenuto il punteggio di 14,500 precedendo di un soffio Paolo Principi dell’Aereonautica Militare (14,450) e Marco Lodadio della Pol. Dil. Vigna Pia (14,050). Solo quarto il campione uscente di specialità, Paolo Pozzo, che non va oltre un 13,850 (l’anno scorso a Meda vinse con 15,000).

Cavallo con maniglie: Si riconferma campione di specialità Alberto Busnari (Aereonautica Militare) che con una prova di buona fattura (punteggio 14,150) tiene a distanza Mattia Tamiazzo del Corpo Libero Gymnastic Team A, che ottiene comunque un discreto 13,850. Terza piazza per Ludovico Edalli della Pro Patria che non va oltre il 13,500

Anelli: Grande affermazione di Matteo Morandi che ha dominato la prova di specialità. Il milanese del gruppo Aereonautica fa suo il titolo con un esaltante 15,700. Secondo Matteo Angioletti della Ginnastica Meda (15,050), così nel 2011,  e terzo Andrea Cingolani (14,800).

Volteggio maschile: Vince Marco Lodadio con 15,725 davanti a Paolo Principi (14,750) e  Andrea Cingolani (14,725), che non ripete la brillante prova di Meda quando il 15,950 gli valse il titolo di specialità

Parallele pari maschile: Si riconferma campione italiano Ludovico Edalli che migliora il punteggio di Meda passando dal 14,150 al 14,400 di oggi. Appaiato a Edalli grande prova di Lorenzo Ticchi della Ginnastica Meda. Terzo, con 13,600, Paolo Principi.

Sbarra: Podio tutto dell’Aeronautica Militare e trionfo di Enrico Pozzo, già in condizione olimpica, che fa suo il tricolore con un buonissimo 14,850. A seguire Alberto Busnari (14,400) e Paolo Principi (14,150)

Volteggio femminile: Arianna Rocca della Forza e Virtù Novi Ligure fa suo il duello tutto piemontese con l’esperta Adriana Crisci della Victoria Torino. La Rocca ottiene 13,950 mentre la rivale si ferma a 13,275

Parallele asimmetriche femminili: A sorpresa al PalaCatania si impone Giorgia Campana. La romana della Nuova Tor Sapienza fa suo il titolo di specialità con il punteggio di 14,200, figlio di una esibizione senza sbavature. La campionessa uscente, Vanessa Ferrari (Gruppo Esercito), invece non va oltre il 14,000 e arriva seconda. Completa il podio Giulia Leni della Mens Sana Siena con 13,800. Quarta Carlotta Ferlito con 13,500

Trave: Un PalaCatania completamente in delirio ha accompagnato la straordinaria affermazione della “Carlo” che nella la sua specialità non ha deluso le aspettative. Carlotta Ferlito con una prova perfetta ottiene il 14,900 riconfermandosi regina della trave. Seconda Elisa Menechini della Ginnastica Artistica Lissone (ieri terza nella generale) con un dignitosissimo 14,200. Solo terza Vanessa Ferrari, molto distaccata con 13,100

Corpo Libero femminile: Netta affermazione di Vanessa Ferrari che riesce a togliere lo scettro di questa disciplina a Carlotta Ferlito. La bresciana dell’Esercito ottiene un brillante 14,300, 0,500 in più della seconda classificata, Lara Mori (Ginnica Giglio) che si ferma a 13,800. Ancora più staccata la terza classificata, Elisabetta Preziosa anche lei dell’Esercito, a 13,300. Carlotta Ferlito quarta a 13,200.

Trampolino: Oggi a Catania si sono assegnati anche i quattro titoli nazionali del trampolino. Alle pendici dell’Etna Flavio Cannone conquista il decimo titolo assoluto individuale. E’ una gara senza storia: Cannone (Esercito) ottiene 57,165, quasi dodici punti in più del secondo classificato, quel Dario Aloi (Milano 2000), che fu l’unico nel 2009 a interrompere il dominio assoluto del bergamasco. Terzo Antonino Parisi, il siciliano della Polisportiva Diavoli Rossi di Marsala, con 47,135. Tra le donne, titolo individuale a Martina Murgo della Milano 2000 (47,450) davanti a Costanza Michelini della Alma Juventus Fano con 47,425 e Arianna Capitani, anche lei tesserata con la Milano 2000, con 45,620. Nel syncro, tra gli uomini, titolo tricolore alla coppia Aloi-Sharra (Milano 2000) e buon terzo posto dei siciliani Titone-Parisi della Diavoli Rossi Marsala. A livello femminile settimo titolo per la coppia Manicone-Capitani della Milano 2000.

Nella mattina, intanto, si è svolto il Criterium giovanile di ginnastica artistica maschile. Favori del pronostico rispettati con il successo di Andrea Russo, 19enne della Lazio Ginnastica Flaminio già nel giro della nazionale. Alle sue spalle Marco Sarruggerio della Juventus Nova Melzo 1960 e Matteo Levantesi della Nardi Juventus. Il criterium è stata una bella occasione di crescita anche per i due catanesi della New Sport, allenati da Gianni Nicotra, Lorenzo D’Anna e Alessio Cascio, classificatisi rispettivamente 11° e 14°.    

DICHIARAZIONI

 Franco Musso, presidente FGI-Comitato regionale Sicilia: Si conferma il grande feeling tra la Sicilia e la ginnastica. Dopo il successo di Ginnastica Sicilia 2011, in particolare del Gran Prix dello scorso dicembre, abbiamo riportato a Catania i big della disciplina. Il pubblico ha risposto alla grande superando le nostre aspettative e speriamo che questa due giorni in Sicilia sia un trampolino di lancio fortunato per le Olimpiadi. Archiviati gli Assoluti ci mettiamo a lavoro in vista dei prossimi appuntamenti con la rassegna Ginnastica Sicilia 2012.

Carlotta Ferlito: Sono molto contenta di aver riconfermato il mio titolo alla trave, l’attrezzo che preferisco e spero mi regali soddisfazioni a Londra. In questo week end ho pagato il poco allenamento delle ultime settimane, per via degli esami scolastici, e il caldo e la stanchezza si sono fatti sentire. E’ stata una grande emozione l’affetto che il pubblico catanese mi ha regalato, facendomi sentire in ogni momento la loro beniamina.