Calabria: a Scopelliti il premio “La Calabria nel Mondo”

Riscoprire il Mediterraneo per guardare oltre la crisi. Puntare sulle regioni della sponda sud per favorire lo sviluppo, magari partendo dalla Calabria, terra situata strategicamente al centro di questa vasta area del mondo. “Orizzonte 2020. L’innovazione nell’area del Mediterraneo strumento di crescita e sviluppo contro la crisi” è il tema della tavola rotonda al centro della XXI edizione del Premio Internazionale “La Calabria nel Mondo“, organizzato dall’associazione C3 International, che si terrà il prossimo 22 giugno nella sala Protomoteca in Campidoglio a Roma. Il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti si e’ aggiudicato quest’anno il premio, un esemplare unico creato dal celebre orafo Gerardo Sacco. “E’ la prima volta che un presidente di Regione si aggiudica il premio La Calabria nel Mondo“, spiega Peppino Accroglianò, fondatore della associazione calabrese che opera da quasi trent’anni nella capitale e che vanta 7600 iscritti. “Il presidente Scopelliti – aggiunge Accroglianòha il merito di essersi impegnato in Calabria per ampliare le infrastrutture, per promuovere il turismo, per tutelare l’ambiente, per favorire gli scambi commerciali e culturali anche attraverso l’Università. Tutti obiettivi della strategia Europa 2020“. Alla tavola rotonda interverranno, tra gli altri, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, l’on. Antonio Tajani, commissario responsabile per l’industria UE, il professor Corrado Calabrò, presidente onorario del Consiglio di Stato, il senatore Maurizio Gasparri. Saranno presenti anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno e la Presidente della Regione Lazio Renata Polverini. Ventuno le personalità premiate in questa edizione 2012. Il principale obiettivo dell’associazione è quello di valorizzare le risorse calabresi, le professionalità che eccellono per studi, progetti e iniziative.