A3: gestori aree servizio al collasso, indetta protesta

”Lavori interminabili, strutture fatiscenti prive di investimenti e del minimo di manutenzione, condizioni di sicurezza inaccettabili, rifiuto delle compagnie petrolifere di negoziare il rinnovo degli accordi economici – pretesi dalla legge – dei Gestori e politiche di prezzo delle stesse compagnie che condannano Gestori e automobilisti della tratta ai prezzi dei carburanti piu’ alti d’Italia”. Sono queste le condizioni drammatiche e non piu’ sopportabili che hanno spinto i Gestori delle Aree di Servizio – si legge in un comunicato – della tratta autostradale A3 Salerno-Reggio Calabria a riunirsi in Assemblea e, con l’assistenza unitaria delle Organizzazioni di Categoria -Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Anisa Confcommercio- a proclamare lo stato di agitazione permanente e l’avvio di un pacchetto di iniziative sindacali da adottare immediatamente e in coincidenza con il periodo estivo. Le imprese di gestione delle are di servizio, ridotte ormai al collasso economico e alle soglie del fallimento, hanno deciso, a far data dal 1* luglio prossimo ”di ridurre al minimo essenziale il servizio offerto presso gli impianti per tutti i fine settimana del periodo estivo, giorni festivi compresi, con cio’ assicurando la distribuzione dei carburanti esclusivamente attraverso l’apertura di un’unica colonna rifornitrice in modalita’ self service post-pay; di richiedere ad ANAS e ai Presidenti di Regione Campania, Basilicata e Calabria, secondo le rispettive competenze e nella loro qualita’ di enti che emettono e rilasciano le relative concessioni pubbliche, amministrative e petrolifere, di autorizzare urgentemente la deroga all’obbligo contrattuale di fornitura in esclusiva dei carburanti, allo scopo di permettere ai gestori di rifornirsi sul libero mercato alle migliori condizioni offerte, scongiurando l’altrimenti sicuro fallimento delle loro imprese e assicurare, allo stesso tempo, prezzi dei carburanti significativamente piu’ bassi agli automobilisti della tratta; cautelativo preavviso di licenziamento per gli addetti al rifornimento carburante, impiegati presso le AdS”.