fbpx

Career Day Bricocenter: un’opportunità non per tutti

Un incontro con un’azienda è sempre una bella opportunità. Ci si rende conto della politica di assunzione, dei metodi adottati sul posto di lavoro, insomma se siamo adatti o no per essere parte della “famiglia”. È quanto accaduto oggi, 17 maggio, all’aula “Ex mineralogia” del plesso centrale dell’Università di Messina. In collaborazione col Job Placement dell’Università, si è tenuto infatti un incontro con due impiegati del Bricocenter, la popolare azienda operante nella grande distribuzione del settore bricolage. L’invito all’evento è giunto tramite e-mail del Job Placement dell’Università di Messina, ed era destinato a laureandi e neolaureati. Ma era un invito al quale mancavano alcuni puntini sulle “i”, e la reale offerta dell’incontro ha suscitato qualche timida polemica.

Chi vi scrive ha voluto partecipare per curiosità e perché, come tanti, in cerca di un’occupazione. Nell’e-mail era presente l’incoraggiante frase: “Durante l’incontro sarà possibile avere maggiori informazioni circa l’azienda, le posizioni aperte e presentare la propria candidatura”. Insomma si dava a intendere che si sarebbe potuta trattare di una sorta di preselezione per un colloquio. Arriviamo quindi con un discreto anticipo, ci accomodiamo nell’aula – a dir la verità piuttosto fatiscente, con sedie rotte e un ventilatore gettato in un angolo – e attendiamo. A poco a poco l’aula si riempie, e molti ci sembrano ben più grandi dell’età media che ci aspettavamo di trovare. Non pensiamo di sbagliarci quando affermiamo che almeno la metà dei presenti sfioravano – se non li avevano già compiuti – i trent’anni di età. L’ennesima dimostrazione che di lavoro, soprattutto al Sud, ce n’è davvero poco.

Con un po’ di ritardo, inizia l’incontro. In cattedra, ma con fare molto cordiale, il Responsabile Risorse Umane area Sud e il Direttore del punto vendita Bricocenter di Milazzo. Entrambi presentano quel che è l’azienda, la sua storia, la sua filosofia, e la suddivisione dei ruoli nei negozi. Ma quello che interessa a tutti i presenti è: ci sono posizioni aperte? L’azienda assume? E l’amara scoperta arriva solo al momento delle domande. Bricocenter non assume. O meglio, sono disponibili due posti per uno stage di 6 mesi al punto vendita di Milazzo. Ma potranno partecipare alla selezione solo i laureandi e i neolaureati da meno di 12 mesi. Più di uno chiede spiegazioni risentito, dato che nell’invito l’offerta lavorativa vera e propria non era specificata. Il Responsabile Risorse Umane si giustifica, affermando che è per motivi di legge (decreto legge 138/2011).

È probabile che molti dei presenti non conoscessero tale normativa, ma perché la reale offerta e le sue limitazioni non sono state esplicate nell’invito al Career Day? Le ipotesi possono essere due: una leggerezza nel creare la locandina oppure un’omissione voluta per far riempire l’aula. All’infelice notizia infatti circa la metà dei partecipanti, seppur alla spicciolata, ha preferito cambiare aria. Di positivo resta comunque il contenuto della prima parte dell’incontro, all’apparenza noioso: un’utile lezione sul funzionamento di una grossa azienda come Bricocenter. Certo, chiunque si trovasse all’incontro sperava sicuramente in qualcosa di più.