fbpx

Borsa e Finanza: l’Europa rimbalza da importanti supporti

Dopo la pessima seduta registrata mercoledì, soprattutto per Milano che ha ceduto oltre tre punti percentuali, ieri abbiamo registrato un positivo rimbalzo assolutamente necessario in quanto su molti future si erano raggiunti importanti supporti che in caso di violazione avrebbero deteriorato ulteriormente il quadro tecnico. Questi supporti hanno retto molto bene configurando un ritorno della positività che potrebbe proseguire anche nella giornata odierna. La migliore piazza europea di giornata è stata Londra con una crescita di quasi due punti percentuali; bene anche Piazza Affari in rialzo dell’ 1.13%, leggermente più debole Francoforte, che chiude comunque in positivo ma solo di mezzo punto percentuale, un po’ frenata da dati macroeconomici non troppo incoraggianti. Seduta ancora volatile a Ws, dopo una partenza positiva abbiamo assistito durante il pomeriggio ad una fase di storno, anche in questa circostanza causata da dati macroeconomici sotto le attese degli analisti; positiva però l’ultima ora di seduta che ha visto un deciso ritorno degli acquisti consentendo così allo S&P500 di chiudere la penultima seduta d’ottava in crescita dello 0.14%, ancora meglio il DJ che sale dello 0.27% rispetto alla vigilia. Debolezza viceversa per l’indice tecnologico Nasdaq che cede lo 0.38%.

Particolarità a cui abbiamo assistito ieri a Milano è che per una volta il rialzo non è stato generato dagli istituti bancari bensì dalle utilies in forte ripresa dopo un inizio di settimana difficile come Snam Rete gas (+2.64%), Terna (+2.61%) ed Enel (+2.58%); bene anche Eni (+2.48%) che si riprende con decisione dopo la brutta seduta della vigilia e Ansaldo (+2.39%), ma la maglia rosa di giornata è stata senza dubbio Fiat Auto che ha registrato un nuovo deciso rialzo chiudendo con un +4.38% e trascinando anche la sua finanziaria Exor (+2.66%) e Fiat Industrial (+1.91%).

Non una grande giornata viceversa per Finmeccanica (-2.17%) che torna in prossimità dei minimi di periodo per le due popolari del nostro listino (Banco Popolare e Popolare di Milano) e per i titolo del lusso, l’unica a “salvarsi” da questa giornata caratterizzata dal segno meno per l’intero comparto è stata Ferragamo che chiude praticamente invariata rispetto alla vigilia (+0.12%).

Per la seduta odierna dal punto di vista macroeconomico non sono attesi dati di grande impatto sui mercati finanziari: durante la prima parte di giornata, alle ore 10.00, verranno diffusi i dati relativi alla vendite al dettaglio m/m italiane previste in diminuzione a -0.1% e nel pomeriggio si attende la diffusione dal dato rivisto da parte dell’UoM attese a 77.7.

Marco Dall’Ava

www.xtb.it