Strage Villapiana (CS): ai funerali della giovane Rosa palloncini bianchi e fuochi d’artificio. La mamma non parla

Centinaia di palloncini bianchi ed i fuochi d’artificio hanno accompagnato l’ultimo viaggio di Rosa Genovese, la ragazza di 26 anni uccisa venerdi’ scorso insieme al padre, Vincenzo, di 67, a Villapiana, nel cosentino. All’uscita della bara, coperta da rose bianche ed orchidee, subito dopo quella del padre, un lungo applauso si e’ levato dalle centinaia di persone che hanno gremito la chiesa della Sacra famiglia per i funerali, mentre all’esterno i palloncini venivano liberati in aria con l’accompagnamento dei fuochi. Tanti gli abitanti del piccolo paese della costa ionica cosentina accorsi alle esequie di padre e figlia. Molti non sono riusciti ad entrare in chiesa ed hanno seguito la cerimonia dal piazzale antistante. Al funerale c’e’ stata una sola assenza. Quella di Domenica Ruggiano, madre e moglie delle vittime, ancora ricoverata nell’ospedale di Rossano per la ferita all’anca subita in occasione del duplice omicidio. In chiesa, chiusi nel loro dolore, i familiari di Genovese e di Rosa: l’altra figlia, Maria, ed il fidanzato della giovane uccisa che per tutta le cerimonia e’ stato seduto accanto al feretro della sua ragazza. Alle esequie ha partecipato anche il sindaco di Villapiana, Roberto Rizzuto, con la fascia tricolore ed il gonfalone della citta’. Nell’occasione e’ stato proclamato il lutto cittadino.

L’avvocato mi ha detto di non parlare con nessuno”. Cosi’ ha risposto Domenica Ruggiano, ai medici dell’ospedale di Rossano che stavano valutando le sue condizioni dopo l’intervento e lo choc provocato dall’uccisione del marito Vincenzo Genovese e della figlia Rosa, avvenuto venerdi’ scorso a Villapiana. Le condizioni della donna, operata per la riduzione della frattura all’anca, secondo quanto si e’ appreso sono complessivamente buone. Anche oggi ha chiesto del marito e della figlia, quasi non sapesse che sono stati uccisi. Circostanza alla quale la donna potrebbe avere assistito visto che era in casa al momento del duplice omicidio e che e’ stata ferita a sua volta.