Siracusa, sequestrato il depuratore di contrada Canalicchio. Cinque gli indagati

La Procura di Siracusa ha disposto il sequestro del depuratore di contrada Canalicchio, alla periferia di Siracusa. Cinque persone sono state iscritte nel registro degli indagati. Si tratta di dirigenti della “Sai 8”, l’impresa che gestisce il servizio idrico in città e nel resto della provincia. Secondo i consulenti dei magistrati, pare che i reflui provenienti dal depuratore finissero nelle acque del Porto Grande. L’impianto, secondo la ricostruzione degli inquirenti, presenterebbe dei problemi nel ciclo di sedimentazione, non assicurando un trattamento adeguato dei fanghi. L’inchiesta era stata avviata nell’agosto dello scorso anno dopo una denuncia presentata da un gruppo di ambientalisti.