Siracusa, l’Ugl celebrerà il 1 maggio a Priolo, per lanciare un messaggio di speranza

Secondo quanto affermato dal vicesegretario generale dell’Ugl, Serafino Cabras, “l’Ugl ha deciso di celebrare il primo maggio a Priolo Gargallo sia per richiamare l’attenzione sulle difficolta’ di un territorio profondamente segnato da una permanente carenza occupazionale e dalla mancanza di concrete prospettive di sviluppo, sia per lanciare un messaggio di speranza ai disoccupati, ai giovani e alle donne, non solo della provincia siracusana, o della Sicilia, ma di tutto il Paese“. Cabras ha presentato stamattina nel Comune siracusano la manifestazione nazionale per la festa dei lavoratori. “Crediamo vivamente -ha aggiunto Cabras- nello slogan che ha caratterizzato il terzo congresso confederale dell’Ugl, ovvero ‘Oltre la crisi, un futuro c’e”, e siamo fermamente convinti che un futuro ci sia anche per questo territorio che, oltre al polo petrolchimico, possiede diverse potenzialita’ su cui puntare per il rilancio dell’occupazione e lo sviluppo“.
Secondo il segretario provinciale dell`Ugl Siracusa, Antonio Galioto, “per far ripartire i numerosi settori produttivi della provincia, è necessario realizzare infrastrutture adeguate. E` per questo – continua il sindacalista – che da tempo l`Ugl reclama l`avvio delle tante opere cantierabili già finanziate, come gli interventi di bonifica del territorio e la realizzazione di importanti arterie autostradali. L`intero territorio siciliano e i suoi cittadini non possono più attendere“.