Sicilia, Cgil. Beffa per 40 lavoratori in mobilità non inseriti nella banca dati del Centro per l’Impiego di Palermo

Quaranta lavoratori  in mobilita’ della ex Telecom srl hanno scoperto di non essere stati inseriti nella banca dati del Centro per l’impiego di Palermo. A far emergere l’amara sorpresa è stata la richiesta, da parte di uno di loro, di  un certificato di disponibilita’ al lavoro. A questo punto si è scoperto che questo gruppo, che percepisce regolarmente dall’Inps il trattamento di mobilita’, era sconosciuto alla struttura della Regione che incrocia la domanda e l’offerta di lavoro e che dovrebbe garantire il reimpiego di chi e’ stato espulso dal mercato del lavoro. A renderlo noto è la Cgil siciliana: ”Una vicenda scandalosa– dice Giovanna Marano, segretaria generale della Fiom Sicilia- sulla quale occorre individuare le responsabilità”. L’esclusione si protrarrebbe da almeno tre anni, recita ancora la nota sindacale, presumibilmente per un errore materiale, che puo’ pero’ avere anche causato la perdita per questi lavoratori di opportunita’ di reimpiego. ”Il paradosso – conclude la Marano- e’ che l’errore sia avvenuto all’interno della struttura deputata alle politiche attive del lavoro destinate a chi il lavoro lo ha perduto”.