Reggio: petizione online per difendere l’Agenzia per i beni confiscati

In questa pagina è possibile consultare una petizione online chiamata “GIU LE MANI DALL’AGENZIA PER I BENI CONFISCATI.

Ecco il testo della petizione, che è possibile firmare qui:

PREMESSO CHE:
Con decreto legge n.4 del 4 febbraio 2010, convertito in legge n. 50, il 31 marzo 2010 è stata istituita a Reggio Calabria l’Agenzia per i beni confiscati, fortemente voluta dall’ex Ministro Maroni e dal Governo Berlusconi, come conseguenza degli attentati della ‘ndrangheta verificatisi in città;

L’Agenzia è certamente un autorevole presidio di legalità sul territorio comunale, provinciale e regionale, con un grande valore simbolico data la presenza ed il radicamento della ‘ndrangheta, organizzazione criminale riconosciuta universalmente tra le più pericolose al mondo;

VISTO CHE:
Negli ultimi mesi si e’ paventato un possibile spostamento della sede dalla città di Reggio Calabria con motivazioni del tutto inconsistenti: lo scorso 6 dicembre, infatti, il Deputato del Partito Democratico Tonino Russo ha depositato un’interrogazione parlamentare invocando il trasferimento della sede principale a Palermo, mentre pochi giorni fa il Deputato del Partito Democratico Laura Garavini, in un’intervista rilasciata ad un’emittente reggina, ha dichiarato che “sin dalla nascita l’Agenzia per i Beni Confiscati è stata proposta in modo estremamente populista ed a fini elettorali. La stessa localizzazione a Reggio Calabria non è stata felice perché purtroppo Reggio continua ad essere molto deficitaria dal punto di vista anche dei semplici collegamenti”;

CONSIDERATO CHE:
L’attività dell’Agenzia ha permesso di gestire ben 1125 beni immobili confiscati nella sola nostra provincia;

questo importante lavoro ha permesso l’utilizzo di tali immobili in favore della comunità reggina, rendendoli realmente produttivi per la città e per la collettività;

CHIEDIAMO CHE:
La sede dell’Agenzia dei beni confiscati resti nella Città di Reggio Calabria e che essa venga potenziata, così da essere risorsa per la lotta alla criminalità organizzata su tutto il territorio calabrese.