Reggio: ordigno esploso a Condera, due gli arresti della Polizia

    /

    Ieri alle ore 16.00 circa giungeva sull’utenza 113 una segnalazione inerente una forte esplosione verificatasi all’interno di un appezzamento di terra in via Reggio Campi II Tronco altezza civico 230/A.

    I primi accertamenti esperiti sul posto da personale della Squadra Mobile permettevano di acclarare la presenza di due giovani con vistose ferite lacero contuse, i quali necessitavano di immediate cure mediche rendendo indispensabile l’intervento del 118 per il trasporto ai locali OO.RR.
    Giungevano prontamente sul luogo dell’evento le Volanti dell’U.P.G.S.P., dirette dal Commissario Capo Giuseppe Giliberti, personale artificiere della Polizia di Stato e gli operatori del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, che effettuavano i rilievi del caso.

    In tarda serata, ZEMA Giuseppe nato a Reggio Calabria il 23/01/1993 e MARCIANO’ Pasquale, nato a Melito di Porto Salvo (RC) il 14/05/1974, venivano tratti arresto ai sensi dell’art. 380 2° comma lettera g) c.p.p., in quanto colti nella quasi flagranza del delitto di illegale fabbricazione e detenzione di esplosivi.

    Dai primi accertamenti effettuati è stato possibile ricostruire la dinamica dell’esplosione:
    intorno alle ore 16:00 lo ZEMA ed il MARCIANO’, stavano armeggiando con sostanze piriche presumibilmente fabbricando un ordigno esplosivo che, per cause in corso di accertamento, sarebbe poi esploso nel cortile antistante l’abitazione di uno dei due provocando danni materiali in corso di quantificazione, oltre al ferimento degli stessi due giovani. Lo ZEMA riportava ferite alla mano giudicate non gravi mentre il MARCIANO’ una prognosi di 20 giorni per ferite lacero contuse all’arto inferiore sinistro.
    Gli accertamenti esperiti immediatamente da personale del nucleo Antisabotaggio del XII Reparto Mobile di Reggio Calabria, confermavano la natura altamente pericolosa dell’ordigno in fabbricazione, la cui esplosione aveva provocato un cratere con diametro di circa 50 cm e profondità 20 cm che in cui si sono rinvenuti residui di materiale esplodente. Secondo quanto poi dettagliatamente valutato, l’esplosivo utilizzato può essere quantificato in più chilogrammi.
    Tracce ematiche sono state rinvenute a circa 5/7 metri dal presunto luogo dell’esplosione e sul posto veniva altresì rinvenuta una tenaglia sporca di sangue, sottoposta a sequestro, presumibilmente utilizzata dai due per fabbricare l’ordigno che sarebbe poi esploso.
    I due sono adesso a disposizione, in stato di arresto, dell’A.G. competente e sono in corso ulteriori approfondimenti di carattere investigativo finalizzati a verificare eventuali complicità e finalità dell’azione criminosa.