Palermo, Massimo Costa: “Con me finisce l’ora del lassismo, della protezione clientelare e dell’assenteismo”

Massimo Costa, candidato a sindaco di Palermo del Pdl, Udc, Grande sud, presenta la terza parte del suo progamma ‘Palermo v.i.v.a.‘, l’acronimo di volenterosa, ingegnosa, vivibile, attraente. “L’ora del lassismo, della protezione clientelare e dell’assenteismo con noi e’ finita, chi ha intenzione di fare lo scempio che e’ stato fatto negli ultimi anni no nmi voti. io voglio solo i voti dei cittadini palermitani liberi“. Nel corso della conferenza stampa Costa snocciola dati e presenta nuovi progetti per la citta’, in caso di vittoria. Ribadisce che le municipalizzate hanno un debito di 460 milioni di euro “per produrre servizi tra i peggiori nel mondo e che costano piu’ della media nel Mezzogiorno, non certo dell’Austria o dell’Inghilterra“. Quindi ribadisce la necessita’ di liberalizzare queste societa’. “Vogliamo un comune che non sia piu’ assistenzialista“.
Citando spesso parole in inglese come ‘smartness‘ o ‘app‘ o ‘best company‘ (“io continuo a usare termini anglosassoni -spiega- anche se vengo criticato perche’ dobbiamo adeguarci a una lingua universale“), Costa ha ribadito quali sono le “linee di intervento” per il capoluogo siciliano: da verde pubblico a citta’ giardino; viabilita’, isole pedonali (“mi dispiace per molti ma faro un’isola che inizia da piazza Croci e termina al teatro Massimo“) e piste ciclabili; reti di telesorveglianza per la sicurezza dei cittadini; servizi on line; servizi pubblici e societa’ partecipate; sport; parchi tematici e strutture ricreative per la prima e la terza eta’ e ‘Riprogettiamo Palermo’. “Dobbiamo recuperare le parole di Leonardo Sciascia che chiedeva a tutti di essere un po’ eretici, diversi. E il gruppo che mi collabora e’ diverso“. “Ogni cittadino di Palermo ha 77 metri quadri di spazi verdi a disposizione, bisogna saperli utilizzare“. Cosi’ annuncia per il Parco della Favorita “tolleranza zero, la Favorita e’ nostra e non dei cani randagi, delle prostitute o degli zingari” e annuncia un progetto di bonifica per il parco. Per gli appassionati del jogging annuncia un ‘percorso di nebulizzazione’, “cosi’ quando gli sportivi corrono si possono rinfrescare“.
Sul tema della viabilita’ Costa spiega: “Stiamo lavorando alla redazione di un nuovo piano per il traffico con una apposita task force che controlli le gare d’appalto“. Sulla sicurezza dei cittadini fa riferimento ai fondi Pon del ministero dell’Interno annunciando impianti di videosorveglianza nelle scuole. “In un primo momento sono state individuate 100 scuole per le quali i fondi ci sono per gli altri 300 plessi stiamo cercando i finanziamenti“. Sulla informatizzazione degli uffici palermitani sottolinea: “dobbiamo finirla con l’attesa agli sportelli perche’ le risposte vanno date in tempo reale. In questo modo mettiamo fine al clientelismo e al lassismo che non fa altre che rallentare i processi di sviluppo e disincentivare chi vuole creare qualcosa“. Annuncia anche di avere parlato ieri con il commissario straordinario del Comune Luisa Latellache mi ha prospettato una situazione veramente disastrosa del bilancio“. “Dobbiamo approdare alla rinascita di un nuovo rapporto amministrativo tra il Comune di Palermo e il cittadino -spiega- questo costituisce il presupposto indispensabile per rendere vivibile e migliore la nostra citta‘”. E per domani Massimo Costa ha annunciato la presentazione di meta’ della squadra di giunta.