Palermo, il tar respinge il ricorso sul simbolo della Democrazia Cristiana. Solo l’Udc avrà lo scudo crociato

Respinto il ricorso presentato nei giorni scorsi dalla Democrazia cristiana contro la decisione della Commissione elettorale, che aveva escluso il simbolo della Dc ‘Liberta’, dopo la denuncia dell’Udc. Il Tar della Sicilia ha deciso che l’unica lista con lo Scudo crociato presente alle Elezioni amministrative di Palermo, a meno di colpi di scena dell’ultim’ora, sara’ quella dell’Udc.
Ecco come sono andati i fatti: la lista ‘Libertas’ era stata presentata su delega del segretario nazionale Giuseppe Pizza con la raccolta di firme. Ma il simbolo fu ricusato dalla Commissione elettorale perche’ “confondibile con il simbolo dell’Udc”. Cosi’ la Dc presento’ reclamo alla Commissione elettorale che fu rigettato. L’ultimo passaggio è toccato al Tar Sicilia che oggi ha emesso la sentenza. L’Udc era rappresentata dagli avvocati Girolamo Rubino, Giuseppe Impiduglia e Lucia Alfieri. “I simboli della Dc e dell’Udc – ha spiegato Impiduglia – erano confondibili l’uno con l’altro perche’ c’e’ lo stesso Scudo crociato. Quindi, oggi il Tar ha confermato l’esclusione del simbolo Dc“. Adesso l’ultima parola spetta al Consiglio di giustizia amministrativa.